Sei qui: Home Politica
Governo, articolo 18 di nuovo in discussione

Governo, articolo 18 di nuovo in discussione

Sulla riforma del mercato del lavoro il governo preme sull'acceleratore, il ministro Fornero ha ribadito che si andrà avanti sull'articolo 18 anche senza l'accordo con le parti sociali.

"I titoli sono corretti, ora inizia la fase più complicata", così Susanna Camusso commenta l'incontro con il governo. Il prossimo appuntamento potrebbe essere tra una decina di giorni anche se non è chiaro che metodo adotterà l'esecutivo.

Leggi tutto...

  • Scritto da redazione
Donne e famiglia, il 41% lascia il lavoro

Donne e famiglia, il 41% costrette a lasciare il lavoro

Ma come fa a far tutto? Se lo chiedeva Douglas McGrath, il regista del film che ha visto protagonista sul grande schermo, non molto tempo fa, Sarah Jessica Parker. In realtà se lo chiedono un po' tutti gli uomini impressionati dall'imponente mole di lavoro quotidiano di una donna.

Leggi tutto...

  • Scritto da Redazione Cucina
Candele accese in Campidoglio per dire NO alla violenza sulle donne

Candele accese in Campidoglio per dire NO alla violenza sulle donne

ROMA - La Rete per la Parità, che fa parte del Comitato Se non ora quando Roma, aderisce alla manifestazione promossa da SNOQ Catania per giovedì 26 gennaio per ricordare Stefania Noce (nella foto), la studentessa catanese attiva nel movimento Se non ora quando, uccisa dall’ex fidanzato.

La Rete per la Parità e il Comitato SNOQ Roma invita ad essere presenti sulla scalinata del Campidoglio con tante candele e fiaccole in contemporanea alla fiaccolata che si terrà a Catania per tentare di dare quanta più visibilità possibile all'iniziativa.

Leggi tutto...

  • Scritto da redazione
Liberalizzazioni: ordini professionali, tariffe minime al tramonto?

Liberalizzazioni: ordini professionali, tariffe minime al tramonto?

Le tariffe minime relative alle prestazioni fornite da chi è iscritto agli ordini professionali non esistono più dal 2006, un'abolizione avvenuta per la maggior parte delle categorie di professionisti.

Quello che ancora è in vigore è il tariffario di riferimento, ma non ha valore vincolante. Quindi il consumatore può tentare di strappare il prezzo più favorevole se ha bisogno di un avvocato o di un dentista.

Leggi tutto...

  • Scritto da redazione
Liberalizzazioni: tassisti, benzinai, ferrovieri e parafarmacie si mobilitano

Liberalizzazioni: tassisti, benzinai, ferrovieri e parafarmacie si mobilitano

Sulle liberalizzazioni aumentano le proteste, i benzinai annunciano sette giorni di sciopero. Oggi il governo incontra i tassisti che ieri hanno manifestato a Roma.

Il governo metterà a punto entro venerdì il decreto sulle liberalizzazioni per rilanciare la crescita. Sono molte le categorie che hanno messo in agenda una serie di scioperi per i prossimi giorni anche se non mancano le divisioni al loro interno.

Leggi tutto...

  • Scritto da redazione
Benzinai annunciano la serrata, 7 giorni di sciopero nazionale

Benzinai annunciano la serrata, 7 giorni di sciopero

Le ipotesi di liberalizzazione di vari settori non vanno proprio a genio. Dopo i tassisti stavolta sono i benzinai a minacciare di incrociare le braccia. Figisc, federazione dei gestori di distributori su rete ordinaria, e Anisa Confcommercio, che riunisce invece quelli delle aree di servizio autostradale, hanno infatti proclamato uno sciopero nazionale su tutta le strade e autostrade del Belpaese di ben 7 giorni.

Leggi tutto...

  • Scritto da Alice Lopedote
Taxi in "assemblea spontanea"

Taxi in "assemblea spontanea"

Stamattina uno dei centralini taxi più importanti di Roma rispondeva che il servizio non poteva essere assicurato per "un'assemblea spontanea dei tassisti". La registrazione definiva, quella iniziata ieri sera alla Stazione Termini, proprio in questo modo perché se fosse stata chiamata sciopero sarebbe illegale, praticamente interruzione di servizio pubblico.

Mentre l'authorithy competente pensa alla precettazione, la protesta contro la liberalizzazione si fa sempre più dura. Ieri sera a Termini erano veramente pochi quelli che lasciavano salire i passeggeri.

Leggi tutto...

  • Scritto da redazione
Blitz Cortina: Pdl e Lega insorgono, il Pd difende gli ispettori

Blitz Cortina: Pdl e Lega all'attacco, il Pd difende gli ispettori

Dopo il blitz contro gli evasori a Cortina l'Agenzia delle Entrate promette di andare avanti. Sull'operazione è scoppiata la polemica e il centrodestra si schiera contro.

La bufera infuria sull'operazione dell'Agenzia delle entrate. Prima il sindaco di Cortina polemizza sui dati manipolati "ad arte" per fare notizia, poi si aggiungono interventi da parte di esponenti di peso di Pdl e Lega.

Leggi tutto...

  • Scritto da redazione
Monti: l'Italia ha fatto la sua parte, ora tocca all'Europa

Monti da Sarkozy: l'Italia ha fatto la sua parte, ora tocca all'Europa

Da pecora nera dell'Europa a motore di spinta dell'Europa. La metamorfosi italiana inizia da Sarkozy con Mario Monti che chiede all'Unione di essere all'altezza dei sacrifici che ogni paese, a cominciare dall'Italia, ha compiuto.

"Lo sforzo senza pari tra gli Stati membri dell'unione europea - dice Monti al termine del vertice all'Eliseo - era giusto farlo, non era facile per gli italiani accettarlo, gli italiani l'hanno accettato, hanno però bisogno di vedere che il quadro europeo evolve positivamente".

Leggi tutto...

  • Scritto da redazione
Parlamentari italiani 16 mila euro al mese, i politici più pagati d'Europa

Stipendi parlamentari italiani: 16 mila euro al mese, i più pagati d'Europa

Nel fascicolo di 37 pagine pubblicato sul sito della Funzione pubblica c'è il lavoro conclusivo della Commissione per il livellamento retributivo guidata dal presidente dell'Istat, Giovannini. I dati mettono a nudo gli stipendi dei parlamentari italiani confrontandoli con quelli di sette paesi dell'area euro.

Secondo il documento, che sarà la base per la decisione dei futuri tagli, ai deputati italiani arrivano in tasca più di 16.000 euro al mese. I francesi ne prendono 13.500, i tedeschi 12.600, gli olandesi 10.000 e gli spagnoli 4.300.

Leggi tutto...

  • Scritto da redazione
Benzina, rialzo record per le addizionali regionali

Benzina, rialzo record per le addizionali regionali

Con il 2012 arriva la prima stangata con la benzina, questa mattina chi è andato al distributore ha avuto l'amara sorpresa di trovare un prezzo decisamente folle, 1,74 euro al litro. In qualche Regione addirittura 1,80 euro. 10 centesimi in più rispetto al settembre scorso, quasi 40 rispetto a due anni fa.

A far crescere il prezzo sono state le addizionali regionali Irpef sulle accise, i rialzi maggiori in Toscana, Lazio, Marche, Umbria e Liguria che vanno dai 6,1 centesimi ai 2,5 centesimi.

Leggi tutto...

  • Scritto da redazione
Benzina: stangata addizionali prezzi record un litro arriva a 1,8 euro

Benzina: stangata addizionali adeguamenti record un litro a 1,74 euro

Benzina verde ancora più costosa, con la stangata il prezzo tocca il nuovo livello record di 1,74 euro con punte di 1,80 centesimi in alcune zone. Gli aumenti sono stati provocati dalle addizionali in cinque Regioni con ripercussioni soprattutto nel Centro e nel Sud d'Italia.

Dal 1 gennaio si pagheranno più care la luce (+4.9%), il gas (+ 2,7%) e le autostrade (+3,1%).

Leggi tutto...

  • Scritto da redazione
Crisi: l'83% degli italiani taglia le spese, il 48% è pessimista per il 2012

Crisi: l'83% degli italiani ha tagliato le spese, il 48% è pessimista per il 2012

Un 2012 per nulla allegro per gli italiani, almeno secondo l’ultimo sondaggio Confesercenti-Swg. Il 48% è pessimista per il futuro, il 36% la vede ancora più nera aspettandosi un peggioramento delle condizioni di vita.

L'indagine mette in rilievo un dato in particolare, cioè che l'83% degli italiani lo scorso anno ha tagliato molte spese dal budget familiare. Mentre chi non ce la fa dichiara di aver risparmiato tagliando su scarpe, vestiti e casalinghi, solo il 5% ha detto di aver speso di più.

Leggi tutto...

  • Scritto da redazione
A repentaglio 300 mila posti di lavoro, sindacati a Monti: "rischio tensioni sociali"

A repentaglio 300 mila posti di lavoro, sindacati a Monti: "rischio tensioni sociali"

La crisi e il rischio reale di tensioni sociali. Allarme dei sindacati preoccupati per la recessione e la perdita dei posti di lavoro. Mario Monti si è impegnato a trovare la massima intesa con Cgil, Cisl e Uil sollecitando tempi rapidi.

Il premier inizia il primo giorno dell'anno con un giro di telefonate ai segretari dei maggiori sindacati dopo il pressing. Monti ha ribadito che il governo vuole discutere di lavoro con le parti sociali, ma la crisi impone tempi rapidi.

Leggi tutto...

  • Scritto da redazione
Luce e gas: stangata in arrivo a gennaio, tariffe +4,8% luce e +2,7% gas

Luce e gas: stangata a gennaio, tariffe +4,8% luce e +2,7% gas

Il nuovo anno potrebbe iniziare male, a gennaio potrebbero infatti scattare gli aumenti sui consumi e ogni famiglia italiana spenderà di più per luce e gas. Gli aumenti potrebbero essere del 4,8% per la luce e del 2,7% per il gas, con un incremento annuo di circa 53 euro a famiglia. I dati sono stati stimati da Nomisma Energia.

Un aggravio, quello atteso per la luce nel primo trimestre dell'anno, che sommato a quello previsto per il gas, rischia di tradursi in un'altra stangata per le famiglie.

Leggi tutto...

  • Scritto da redazione
WSJ, Merkel telefonò a Napolitano: sostituisci Berlusconi

WSJ, Merkel telefonò a Napolitano: sostituisci Berlusconi

Il sito web del Wall Street Journal pubblica oggi un articolo in cui si parla dell'Italia, o meglio delle pressioni che sarebbero state esercitate dalla cancelliera tedesca Angela Merkel sul presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Pressioni che poi avrebbero portato all'avvicendamento tra Berlusconi e Monti. Si parla di una telefonata avvenuta in ottobre tra la Merkel e il Capo dello Stato.

Già ieri Mario Monti era tornato sui convulsi giorni della caduta di Berlusconi e della sua nomina a senatore a vita, quel 9 novembre, giorno del picco storico dello spread.

Leggi tutto...

  • Scritto da redazione
Non milleproroghe ma poche, approvato il decreto

Non milleproroghe ma poche, via libera al decreto

Più che milleproroghe le proroghe sono poche ma buone, almeno questa è l'intenzione del governo che, tra le scadenze rinnovate, interviene per i lavoratori, per il rinvio degli sfratti e per le missioni militari. Via libera al decreto.

Il ministro dell'Integrazione, Andrea Riccardi, spiega perché la riunione di Palazzo Chigi è andata per le lunghe. "È stata una cosa seria e complessa - dice Riccardi - c'è l'intenzione di evitare proroghe infinite, quindi di entrare nella materia. È durato molto perché abbiamo approfondito".

Leggi tutto...

  • Scritto da redazione
Sindacati a Montecitorio avvertono Monti, "Il capitolo pensioni resta aperto"

Sindacati a Montecitorio avvertono Monti, "La partita pensioni resta aperta"

I tre leader sindacali in piazza Montecitorio, "Monti scelga o noi o le lobby". Camuso: "Pensioni, partita aperta". Bonanni: " Un nuovo patto sociale". Cgil, Cisl, Uil e Ugl sono ancora davanti al Parlamento. I tre leader sindacali, Camusso, Bonanni e Angeletti, continuano a insistere sulle pensioni.

Il governo deve scegliere, dicono i tre sindacalisti, occorre una vera riforma fiscale, misure forti per far ripartire l'economia. In sostanza mettere in moto la cosiddetta fase due, ma tenendo conto del paese reale.

Leggi tutto...

  • Scritto da redazione
Sotto l'albero una manovra di tasse e sacrifici

Sotto l'albero una manovra di tasse e sacrifici

La prima mazzata è già scattata da due settimane ai distributori di benzina con l'aumento delle accise sui carburanti, in media 10 centesimi in più al litro. Invece, solo tra qualche settimana scopriremo un'altra brutta sorpresa, quando dovremo fare i conti con l'addizionale regionale Irpef, aumentata da 0,9% a 1,23%.

L'aumento sarà retroattivo, quindi lo pagheremo anche sui redditi del 2011. Ma non basta perché dalle Regioni che hanno "buchi" di bilancio arriverà un ulteriore 0,5% di aumento.

Leggi tutto...

  • Scritto da redazione
Bersani: governo fino al 2013, ma l'articolo 18 non si discute

Bersani: governo fino al 2013, ma l'articolo 18 non si discute

Il Partito Democratico assicura pieno appoggio al governo Monti, Bersani è sicuro che arriverà al 2013 ma, come ha detto più volte, nella manovra ci sono delle misure che non gli piacciono.

L'intervento sulle pensioni è troppo drastico, si poteva fare di più sulla patrimoniale. Ma su una cosa Bersani insiste di più, dell'articolo 18 non si deve nemmeno discutere.

Leggi tutto...

  • Scritto da redazione
Lazio Polverini: il bollo per i cittadini e vitalizi per assessori e consiglieri

Lazio Polverini: più tasse per i cittadini e vitalizi per assessori e consiglieri

Lazio, approvata la manovra Finanziaria 2012 della Giunta Polverini con 40 voti favorevoli, 21 sono stati a sfavore. Aumentano benzina e bollo auto, tagliati i fondi per il trasporto pubblico, confermati i vitalizi per gli assessori “miracolati”. Pd: “La Polverini provoca rabbia e sconforto”.

Leggi tutto...

  • Scritto da redazione

Articoli in argomento

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter