Sei qui: Home Politica
Riforma del lavoro, risposta dura della Cgil: 16 ore di sciopero

Riforma del lavoro, risposta dura della Cgil: 16 ore di sciopero

Per la riforma del mercato del lavoro le trattative tra governo e parti sociali sono serrate. Dopo l'incontro di ieri notte tra il ministro Fornero e i segretari dei sindacati che non ha portato novità, questa mattina nuovo confronto alla presenza dello stesso premier Monti. Ma secondo i sindacati l'intesa appare ancora lontana.

Mentre il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, dice che la riforma del mercato del lavoro ''non può essere identificata con la sola modifica dell'articolo 18", la Cgil reagisce duramente proclamando 16 ore di sciopero di cui 8 ore di sciopero generale.

Leggi tutto...

  • Scritto da Redazione Cucina
Rutelli attacca Lusi: "E' un ladro, siamo sue vittime"

Rutelli attacca Lusi: "E' un ladro, siamo sue vittime"

In conferenza stampa Francesco Rutelli non la manda a dire al suo ex amico e tesoriere della Margherita Lusi: "è un ladro".

L'incontro con i giornalisti è durato oltre due ore e Rutelli spiega l'esposto-denuncia presentato in procura, ma viene sommerso dalle domande sui soldi che dalla Margherita sono passati alla fondazione "Centro per un futuro sostenibile" da lui presieduta.

Leggi tutto...

  • Scritto da Redazione Cucina
Lusi e Rutelli: è bagarre, dopo l'inchiesta dell'Espresso volano le denunce

Lusi e Rutelli: è bagarre, dopo l'inchiesta dell'Espresso volano le denunce

Nell'ex partito della Margherita volano gli stracci, anzi le carte bollate. Francesco Rutelli reagisce con un esposto alla procura di Roma alle rilevazioni dell'Espresso che oggi in edicola ricostruisce il percorso di 866 mila euro dalle casse della fu Margherita amministrate dal tesoriere Lusi.

I bonifici rintracciati dal settimanale sono tutti sotto la soglia dei 150 mila euro, quella che, se superata, avrebbe richiesto la doppia firma del tesoriere e del comitato di tesoreria.

Leggi tutto...

  • Scritto da Redazione Cucina
Camusso: "Le proposte non ci piacciono", frenata sulla riforma del lavoro

Camusso: "Le proposte non ci piacciono", frenata sulla riforma del lavoro

Sulla riforma del mercato del lavoro la Cgil riaccende il semaforo rosso, l'articolo 18 è ancora un problema.

Il segretario della Cgil Camuso frena gli entusiasmi: "le proposte che abbiamo sentito dal governo finora non ci convincono e non vanno bene". Altro che intesa già fatta sul lavoro e articolo 18, "di strada dobbiamo farne ancora tanta" aggiunge Camusso che conclude "e la trattativa va fatta con le parti sociali".

Leggi tutto...

  • Scritto da Redazione Cucina
Vigili e mazzette, sentiti in procura altri sei commercianti

Vigili e mazzette, sentiti in procura altri sei commercianti

Due fratelli imprenditori, una denuncia, 5 agenti della municipale ed un geometra finiti nel registro degli indagati. E' questa l’ossatura dell’inchiesta portata avanti dal pm Laura Condemi volta a fare chiarezza su un presunto “massicccio e diffuso sistema illecito”.

Tutto comincia 9 mesi fa, per la precisione a giugno quando l’imprenditore Paolo Bernabei decide di scrivere al sindaco Alemanno e al comandante del primo gruppo della municipale Angelo Giuliani.

Leggi tutto...

  • Scritto da Luca Lotrecchiano
Roma Bilancio di previsione 2012: privatizzazioni e polemiche

Roma Bilancio di previsione 2012: privatizzazioni e polemiche

Compensare i minori trasferimenti da parte dello Stato ai Comuni, per non incorrere nella necessità di dover tagliare i servizi sociali e bloccare completamente la manutenzione ordinaria della città.

E' questo l’obiettivo del Campidoglio, un traguardo che però oggi è sempre più simile ad un sacrificio inaccettabile, pronto a sollevare un enorme polverone diplomatico.

Leggi tutto...

  • Scritto da Luca Lotrecchiano
Alfano fa saltare il vertice con Monti

Alfano fa saltare il vertice: il Pdl non parla di Rai e giustizia

Clamoroso colpo di scena, a poche ore dal vertice previsto nel pomeriggio tra il presidente del Consiglio Monti, Bersani, Alfano e Casini, l'incontro è stato annullato perché il segretario del Pdl si è chiamato fuori dicendo apertamente che il suo partito non vuole discutere di giustizia e di Rai.

"Un atteggiamento incredibile" è il commento di Bersani.

Leggi tutto...

  • Scritto da Redazione Cucina
Berlusconi Porta a Porta

Berlusconi rinuncia alla comparsata a Porta a Porta, tensioni nel Pdl

Forti tensioni nel Pdl, Berlusconi ha rinunciato a partecipare questa sera a Porta a Porta per non oscurare il segretario Alfano.

Niente Porta a Porta, a pochi minuti dalla registrazione della trasmissione Berlusconi dà forfait al salotto di Bruno Vespa.

Meglio evitare equivoci, meglio non esporre il fianco alle critiche dopo le polemiche sulla leadership di Alfano, il segretario del Pdl, che lo stesso Berlusconi aveva definito, per poi dire se stesso, "senza quid è senza storia".

Leggi tutto...

  • Scritto da Redazione Cucina
Tangenti alla Lega: Boni indagato

Tangenti alla Lega: Boni indagato, mazzette per un milione

Il presidente del Consiglio regionale della Lombardia, il leghista Davide Boni, e il capo della sua segreteria Dario Ghezzi sono indagati per corruzione. L'inchiesta è della procura di Milano e riguarda la concessione di aree edificabili nel comune di Cassano d'Adda che sarebbero state attribuite in cambio di tangenti.

I fatti risalgono nel periodo 2005-2010. Boni, che si dichiara estraneo alla vicenda, in quel periodo era assessore regionale all'edilizia e al territorio. I magistrati sospettano la creazione di un vero e proprio sistema di finanziamento parallelo messo in piedi dalla Lega in favore del partito.

Leggi tutto...

  • Scritto da Redazione Cucina
Ok della Camera al tetto sugli stipendi dei manager di Stato, limite a 300 mila euro

Ok della Camera al tetto sugli stipendi dei manager di Stato, limite a 300 mila euro

C'è molto nervosismo nei palazzi della politica per quella norma che impone un tetto agli stipendi dei manager pubblici. Stipendi che in molti casi superano i 300 mila euro. Qualcuno ha tentato di bloccare questa norma, ma il governo vuole andare avanti e chiede che si proceda al taglio delle retribuzioni immediatamente.

"Il capo della polizia Manganelli guadagna quattro o cinque volte più del capo dell'FBI", dice Crozza a Ballarò. Colpire al cuore il portafogli dei grandi manager di Stato è il tema che torna ciclicamente con le crisi della nostra economia.

Leggi tutto...

  • Scritto da Redazione Cucina
Fisco: Taglio delle tasse per i più poveri, ma solo dal 2014

Fisco: Taglio delle tasse per i più poveri, ma solo dal 2014

Taglio delle tasse per i più poveri, ma solo dal 2014 come previsto dalle bozze del decreto fiscale che il governo presenterà nel prossimo Consiglio dei ministri.

Gli sconti per le famiglie arriveranno ma non subito. Il governo si muove con grande cautela nel tracciare il decreto legge fiscale, oggi all'esame del pre-consiglio dei ministri a Palazzo Chigi.

Leggi tutto...

  • Scritto da Redazione Cucina
Sono on line i redditi dei ministri, Severino supera Passera del doppio

Sono on line i redditi dei ministri, Severino supera Passera del doppio

Pubblicati on-line redditi e patrimoni dei ministri, Severino la più ricca dichiara più di Passera. Sito del governo in tilt per i troppi contatti.

Come promesso il governo ha dato il via all'operazione trasparenza, pubblicati sul Web i redditi di quasi tutti i ministri e sottosegretari. Mancano ancora quelli di Monti, Fornero e Ornaghi.

Leggi tutto...

  • Scritto da Redazione Cucina
Berlusconi tampina Monti sull'articolo 18 e duella con Bersani

Berlusconi pressa Monti sull'articolo 18 e assicura lealtà

Insieme nel sostenere Monti, divisi invece sull'articolo 18. È un duello a distanza fra Berlusconi e Bersani. Il Cavaliere si dice pronto ad un dialogo costruttivo con il governo, al quale assicura ancora una volta lealtà.

"L'articolo 18 non è un tabù, a suo tempo noi proponemmo di modificarlo almeno per il neo assunti - dice l'ex presidente del Consiglio - ma la reazione, soprattutto dei sindacati, fu furibonda".

Leggi tutto...

  • Scritto da Redazione Cucina
Stracquadanio: "Non esiste chi guadagna 500 euro al mese", sfigati a parte

Stracquadanio: "Non esiste chi guadagna 500 euro al mese", sfigati a parte

Il pidiellino Stracquadanio non è nuovo alle castronerie in tv, ma questa le supera tutte. Dice che chi guadagna 500 euro al mese è uno sfigato e lo dice davvero convinto.

Nella trasmissione "Punto e a capo" in onda su ClassTv il pidiellino si sfoga. "Basta con questa storia di 500 euro al mese. Non ho mai guadagnato cinquecento euro al mese perché da quando ho iniziato a studiare mi sono fatto un mazzo tanto - dice disponendo le mani elegantemente a cerchio, un vero signore nonostante il completo grigio con tanto di gilet e fazzoletto bianco al taschino - e ho guadagnato di più, per merito. Chi guadagna 500 euro al mese è uno sfigato per varie ragioni e per fortuna sono pochi, pochissimi in Italia".

Leggi tutto...

  • Scritto da Mauro David
Giustizia: Berlusconi assediato torna alla carica per la riforma

Giustizia: Berlusconi assediato dai processi vuole la riforma

Silvio Berlusconi è sempre assediato dai processi, considerato che ora non può più avvalersi delle protezioni che la carica di premier gli metteva a disposizione. I fedelissimi del Pdl tornano ad accusare le procure, si torna a parlare della riforma della giustizia proprio alla vigilia di una settimana decisiva per l'ex presidente del Consiglio.

Dal caso Ruby al processo Mills all'affare Mediatrade. Sui processi a carico di Berlusconi sono attese nei prossimi giorni decisioni importanti.

Leggi tutto...

  • Scritto da Redazione Cucina
Genova, Bersani: "Tutti uniti, dobbiamo vincere con Doria"

Genova, Bersani: "Tutti uniti, dobbiamo vincere con Doria"

Pioggia di dimissioni nel partito democratico in Liguria, dopo le primarie per il candidato sindaco di Genova in cui Marco Doria, candidato di Sel, ha battuto la candidata del Pd, la senatrice Pinotti, e il sindaco uscente Marta Vincenzi. Ora Bersani dice "tutti uniti, dobbiamo vincere con Doria".

"Se gareggiano più candidati del Pd, poi si accettano i risultati", Bersani guarda a Genova commenta con pragmatismo e promette che ora si lavora e si vince con Doria.

Leggi tutto...

  • Scritto da Redazione Cucina
Monti: "orgoglio italiano", Obama: "Italia affidabile"

Monti: "orgoglio italiano", Obama: "Italia affidabile"

Mario Monti dovrà convincere la comunità finanziaria di New York a fidarsi dell'Italia. Ieri a Washington ha incassato l'apprezzamento del presidente Barak Obama e il riconoscimento del Congresso americano.

"Orgoglio per come l'Italia viene percepita negli Stati Uniti", il premier commenta con queste parole il primo giorno di visita americana.

Leggi tutto...

  • Scritto da Redazione Cucina
Fiducia sul decreto "svuotacarceri", parte la sceneggiata leghista

Fiducia sul decreto "svuotacarceri", parte la sceneggiata leghista

Duro scontro in aula per il decreto "svuotacarceri" su cui il governo ha posto la fiducia. All'annuncio del ministro Giarda la Lega ha risposto con fischi e cori. Annunciato anche il voto contrario dell'Italia dei Valori.

Fischi annunciati, previsti e scontati quelli di questa mattina a Montecitorio. Fischi leghisti per segnare le differenze e il dissenso a tutto campo.

Leggi tutto...

  • Scritto da Redazione Cucina
I nostri giovani sono “terroni” non “mammoni”

I nostri giovani sono “terroni” non “mammoni”

Attaccati alla mamma? No, alla terra. I nostri giovani sono “terroni” non “mammoni”. Hanno 16/17 anni e il loro obiettivo non è quello di restare vicino alla “mamma” ma inventarsi un lavoro nella propria terra per farla crescere

Se “mammoni” significa voler restare attaccati alla propria mamma, allora i nostri giovani studenti vogliono sentirsi definire “terroni”, perché loro invece si sentono inesorabilmente attaccati alla propria terra.

Leggi tutto...

  • Scritto da Redazione Cucina
Il Ministro Fornero a favore delle quote rosa

Il Ministro Fornero a favore delle quote rosa

Le quote rosa non piacciono alle donne, soprattutto alle donne giovani, che giustamente si vogliono affermare per merito, non per diritto di sesso.

Crescendo però, si scopre che sono sempre uomini quelli che comandano e così si comincia a considerare le quote un male minore, un male necessario, anzi indispensabile.

Leggi tutto...

  • Scritto da redazione
Stupro di gruppo, non equivochiamo sulla sentenza della Cassazione

Stupro di gruppo, non equivochiamo sulla sentenza della Cassazione

Gira su facebook vorticosamente la notizia che chi esegue uno stupro di gruppo non andrà più in carcere, ed ecco fioccare comunicati, post scandalizzati, scritte cubitali "vergogna", donne con il fucile che minacciano di farsi giustizia da sole.

Si dimostra così uno dei grandi limiti del web e della sua capacità di tenerci informati.

Leggi tutto...

  • Scritto da Lisa Canitano

Articoli in argomento

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter