Sei qui: Home Spettacolo Teatro "Il giuoco delle parti", Orsini all'Eliseo

"Il giuoco delle parti", Orsini all'Eliseo

Umberto Orsini in il Giuoco delle parti

IL “CONTRARIAN” CHE PREFERIVA IL DUBBIO

Umberto Orsini festeggia i suoi ottant’anni anagrafici e sessanta di carriera affrontando nuovamente Il giuoco delle parti.

Commedia tratta dalla novella Quando si è capito il giuoco del 1913, messa in scena per la prima volta nel 1918, nell’indimenticabile allestimento della Compagnia dei Giovani (Rossella Falk, Romolo Valli, Giorgio De Lullo).

Il titolo della commedia è diventato emblematico del teatro pirandelliano costruito solitamente sulle tensioni all’interno di una coppia, sulla presenza di un terzo individuo (triangolo borghese), nella dialettica tra ruoli sociali e affetti.

In questo lavoro la tipica parte del ragionatore è assolta da Leone Gala, il protagonista, chi vede oltre le apparenze: il filosofo.

Ingredienti garantiti: un drammaturgo che non richiede presentazioni, Pirandello, un attore di consolidata bravura, Orsini, un bel teatro, l’Eliseo.

Altissime vetrate grigie verdi separano e intrecciano il ricordo, il sogno, la follia.

Da una scarna stanza di manicomio il vecchio e malato Gala tra deliri e allucinazioni fa incursioni nel passato mescolato al presente.

Un classico triangolo amoroso, il marito Leone Gala (Orsini), la moglie Silia (Reale), l’amante Guido Venanzi (Di Mauro) rivivono le loro vicende in una nuova prospettiva proposta dalla mente folle di Leone.

La messinscena diretta da Roberto Valerio propone una recitazione snella e intensa, che si avvale dell’esperienza e del mestiere degli attori che non lesinano capacità interpretative.

Umberto Orsini disegna il personaggio sottolineando le sfumature dolorose e fredde nel continuo incastro tra razionalità e follia, nell’acuta mossa di accettare come marito la sfida a duello con il marchese Miglioriti, celebre spadaccino, dal quale la moglie si sente offesa, ma a combattere manda chi come amante possiede veramente Silia.

Anche in questa commedia il nome del personaggio svolge un compito importante, come dice nel suo studio corposo Marco Ariani, si potrebbe qui, infatti, congetturare sulla crudeltà di Leone e sulla sua fatuità mondana (Gala).

Il pubblico omaggia con calorosi applausi Orsini e la sua compagnia.

Con Umberto Orsini, Alvia Reale, Michele Di Mauro, Flavio Bonacci, Carlo De Ruggieri, Woody Neri. Regia di Roberto Valerio. Domenica 16 febbraio 2014

Orsini all’Eliseo
IL GIUOCO DELLE PARTI
Di Luigi Pirandello

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter