Sei qui: Home Spettacolo Teatro La Cantatrice calva

La Cantatrice calva

La cantatrice calva

LA PAROLA AL POMPIERE

Il burlesco spinto fino al limite.

Un allestimento degno di nota, ben interpretato e diretto da Marco Carlaccini.

Nello spettacolo non accade nulla di concreto, di raccontabile, nell’incalzante divenire del puro evento linguistico.

Calibratissimi movimenti scenici che ben si adattano al testo dell’anti-commedia dell’autore rumeno, trapiantato in Francia.

Prima opera teatrale di Ionesco, essa esprime una concezione radicalmente pessimistica che, a differenza di Beckett (altro gigante di questa forma di teatro semmai sia possibile un paragone tra i due), evidenzia in particolare le relazioni sociali della classe media, la solitudine e l’isolamento dell’individuo.

“La Cantatrice calva” segna una svolta significativa della drammaturgia europea.

Giochi di parole, frasi usate con libertà, un bizzarro ricorso a rime e assonanze che finiscono per essere nel finale puri strumenti sonori.

Un testo semplicemente assurdo che sottolinea il non-sense dei costumi borghesi, delle banalità delle conversazioni e dell’assenza di ascolto.

Un ottimo Marco Carlaccini e una bravissima Patrizia D’Orsi danno ritmo e toni perfetti al Signore e alla Signora Smith come del resto fa tutta la Compagnia quando disegna gli strampalati caratteri dei personaggi voluti dall’autore.

Lo spettacolo scorre veloce e diverte, tra silenzi e pause comiche con il vigore di Claudio Capecelatro e Sara Poledrelli, fino al pirotecnico gran finale.

Costumi raffinati e di gusto con, incollati ai gomiti dei protagonisti, ridicolissimi braccioli a mo’ di poltrone old England.

Con Marco Carlaccini, Patrizia D’Orsi, Claudio Capecelatro, Sara Poledrelli, Xhilda Lapardhaja, Ludovico Nolfi

Alla Casa delle Culture

LA CANTATRICE CALVA

di Eugène Ionesco

Regia di Marco Carlaccini

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter