Sei qui: Home Spettacolo Gossip Povia, Eluana la verita' e' gia' in rete

Povia, Eluana la verita' e' gia' in rete

Povia, Eluana la verita' e' gia' in retedi Tiziana Arnone

Nella scorsa edizione di Sanremo il testo della discordia e' stato quello di Povia, Luca era Gay. Fu reso noto un giorno prima dell'inizio della kermesse canora per evitare ulteriore clamore e, in qualche modo, indirizzare l'opinione del pubblico.

Quest'anno ci risiamo di nuovo. E' sempre Povia. Con una canzone su Eluana Englaro, dal titolo evocativo, “Eluana, la verità”. Ricostruiamo i fatti. Capitolo primo.

Oggi, un surfista sciolto, ha pubblicato sul web. tramite l'apposito blog http://blog.libero.it/musicainsieme/8163184.html, il testo della canzone di Povia, "Non importa se sei sportivo/non conta se sei sedentario/non importa se sei diverso/oppure sei solo malato/quello che è davvero importante è che sei vivo/non puoi sfuggire a questa regola anche se ti senti un divo. Vivo la mia vita anche se non deglutisco/sono in coma perenne ma che ne sai che nonreagisco?/sento le persone quelle che mi voglion bene/ma non mi può capire chi alla vita non ci tiene/nessun tipo di vita è mai irreversibile/nessun tipo di amore oramai è impossibile/non ci si può arrendere a chi il mondo vuol cambiare/non si può obbedire a chi non sente la morale/La verità è che io voglio vivere/la verità è che io voglio sopravvivere/per favore la spina non staccare/lo sai che io posso ancora procreare/c’è chi sogna che il mondo un giorno può cambiare/ma non serve perchè tanto la gente resta uguale/La normalità non è esser felici/la felicità è rispettare dei principi/non esiste legge che l’amore può cambiare/non esiste legge che la morte può salvare/Non è ipocrisia, è la verità/non ci si può imbottire con strane falsità/sai che nessun giudice è arbitro del male/sai che il solo bene è rispettare la morale/la vita non è correre in campi fioriti/non è nemmeno amare i propri simili/la vita non è la libertà/la libertà non è fare quel che mi va/solo se riesci ad accettare la realtà/riesci a comprendere la tua vitalità/non è importante agire, lavorare, respirare/quello che è importante è solamente uniformare/è solo falsità la dignità/solo non pensando hai una personalità/i soli pensieri non fanno mai la libertà/la vita si vive accettando la realtà!/La verità è che io voglio vivere/la verità è che io voglio sopravvivere/per favore le macchine non staccare/lo sai che io posso ancora procreare/c’è chi sogna che il mondo un giorno può cambiare/ma non serve perchè tanto la gente resta uguale/Non stare a sentire, son vivo!".

Il pubblicatore selvaggio si accredita come vicino all'entourage di Povia in quanto ex-collaboratore di una major discografica italiana. Motivo della rottura, l'opportunita' o meno di portare alla luce la canzone incriminata. Fulminea, immediata e secca la smentita del direttore artistico di San Remo, Gianmarco Mazzi: “Il testo pubblicato sul internet come presunto testo della canzone ‘Eluana (la verità)’ è completamente falso. Non c’entra niente con quello che verrà presentato a Sanremo e non ha nemmeno lontane attinenze. È completamente un’ altra cosa”.

Fortemente irata, benche' pleonastica nel contenuto, la reazione di Povia: "Quel testo non c’entra niente con il mio. Non gli assomiglia nemmeno lontanamente. Ma proprio neanche una parola". Si preannuncia da vedere la sessantesima edizione del Festival. Non foss'altro per appurare la verita' di parole e melodia. Rimane la perplessita', se tutto, ma proprio tutto possa essere messo in canzone.

Capitolo secondo: il cantante friulano, Nicolas Rosana proposito della sua canzone, dal titolo Eluana, dichiara all'ADN Kronos: La canzone è stata arrangiata alla fine del 2008 da Raffaele Chiatto, che è il chitarrista di Povia.

Alcuni mesi dopo, esattamente nell'estate del 2009, ho sentito che Povia, con largo anticipo rispetto agli annunci del Festival, ha detto che voleva andare a Sanremo con una canzone su Eluana. E mi sono insospettito della strana coincidenza. Io per pubblicare la canzone ho voluto aspettare che si calmassero le acque, per una questione di rispetto della famiglia.

Poi quando ho sentito che Povia andava davvero a Sanremo con una canzone su Eluana a febbraio, abbiamo deciso di farla uscire anticipatamente a fine gennaio. Io la canzone di Povia non l'ho sentita. Non la conosco e non ho idea se c'entri nulla con la mia. Ma la coincidenza certo è strana. Però io presentai il mio progetto ai musicisti ed al manager che oggi seguono Giuseppe Povia. La mia canzone è stata appoggiata dall'associazione 'per Eluana' ed ha avuto il consenso di Beppino Englaro. Ora che Povia porta a Sanremo questa canzone e tutto il progetto Eluana perderà sicuramente il valore e la visibilità che avrebbe meritato".

Ecco come parla la Eluana di Rosan: “Io sto pensando ancora/immobile per ora/distesa sopra questo letto povera me/la notte si avvicina/è quasi domattina/queste lenzuola troppo bianche sopra di me/parlarpiù non posso/toccarti non riesco/fatti bastare questo sguardo spento/ma perché non vuoi che me ne vada adesso/la pietà, se sarà, sarà per me un successo/io vivrò aldilà di questo mio tormento/correrò libera e così guarirò. Tesa come un violino/mi lavano il viso/questa esistenza buia è priva di dignità/non voglio più nessuno/non voglio vivere/è questa legge che non va aiuto papà/Eluana è il mio nome/vorrei poter gridare/e rotolare ai confini di questa realtà".

Lamentosa, ma diretta la reazione di Povia: “Non conosco questo brano e non so niente di questa storia. Raffaele Chiatto è semplicemente il mio chitarrista. E con questo? Su Eluana saranno state scritte mille cose. Sai quante volte ho pensato sentendo un brano di un collega: 'c'avevo pensato prima io a fare un pezzo su questo'. Ma non mi sono mai sognato di dire che l'idea di un brano altrui era mia. Questo mi sembra solo un tentativo di farsi pubblicità”.
Mi sa che San Remo lo vedo davvero!

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter