Sei qui: Home Spettacolo Cinema Diamante nero. Giovani, arrabbiati e belli

Diamante nero. Giovani, arrabbiati e belli

Céline Sciamma,  Diamante  nero

E’ sui nostri schermi l’ultimo film della regista francese Céline Sciamma, Diamante nero. Il titolo in italiano fa esplicito riferimento a una delle canzoni della colonna sonora, Diamond di Rihanna, ma non rende giustizia al cuore dell’opera come il titolo originale, Bande des filles (Banda di ragazze), ovvero la formazione, la ribellione ed il dolore di crescere in una banlieu parigina se si è una giovane donna nera e povera.

Già autrice di un film sull’essere giovani, Tomboy, la regista transalpina si mette alla prova con un argomento ancora più ostico: raccontare l’adolescenza emarginata senza cadere nello stereotipo del patetico o del ‘politically correct’ ma anzi producendo un vero e proprio manifesto duro e puro sullo stato delle nostre società occidentali ed un grido di libertà.

Meriem è una ragazza di colore di 16 anni: va a scuola con scarsi risultati, bada alle sorelle più piccole, ha una mamma lavoratrice in una famigerata multi servizi. Quel tipo di lavoro dove esci la mattina alle sei e alle nove di sera ancora non sei rientrata a casa. Il padre non esiste, ma esiste un fratello più grande facente funzioni. Nelle banlieu ciascuna etnia riproduce la gerarchia tribale propria della cultura di appartenenza. Guarda caso uno dei precetti è quello dove le donne non hanno alcuna autonomia, sono soggette al potere del maschio della casa, la loro strada è segnata: o seguire le orme della madre e faticare in umilianti lavori oppure sposare chi ti viene imposto.

Il destino di Meriem cambia quando un giorno viene cooptata da una banda di ragazze capaci di prendersi con la loro vitalità quella minima autonomia che le permette di vivere con gioia sfrenata la loro età. Meriem diventa Vic (da vittoria) ed il suo rapporto con Lady, Adiatou e Fily si salda attraverso la catarsi della musica e del ballo dove le ragazze possono esibire l’un l’altra, finalmente, tutta la sensualità dei loro corpi in totale libertà ma chiuse in una stanza d’albergo.

Purtroppo però lo scontro con il fratello avviene presto a causa dell’amore consumato volontariamente con Djibril, inserendo Vic a forza nella categoria delle puttane. Costretta ad andar via di casa la giovane ragazza viene arruolata nelle fila di Abou come spacciatrice. Sempre più somigliante ad un maschio, Vic fugge dalle sue grinfie e rinuncia a tornare a casa. Declina la proposta di matrimonio di Djibril con una dichiarazione d’indipendenza che non pensavamo di sentire più pronunciata, prende coscienza della fine del sogno adolescenziale e s’incammina, piena di grinta e forza, verso il suo destino.

Sciamma confeziona un film in cui si affermano i valori delle relazioni giovanili. Le esperienze fatte da giovanissimi, sembra proclamare la regista, segnano il tuo percorso: a quell’età trovi la forza di sapere da che parte stare e le tue idee sono limpide e pure. Diamante nero è un potente proclama di libertà ed è, finalmente, un film sulla natura sovversiva della giovinezza: la sua sensualità, la sua ingenuità, la sua violenza.

Questa osmosi tra idealità e carne viene messo in scena da Sciamma usando primi piani anomali, viso più spalle più mezzo busto, oppure inquadrando solo le gambe come ad intendere l’urgenza istillata nello spettatore di essere a contatto con i personaggi, immergersi in loro. Questo avviene anche con le scene collettive dove bellissimi ragazzi multicolori sembrano invadere lo schermo con la loro fisicità togliendoci il fiato o con combinazioni di colori accesi che ci fanno capire quanto ci stiamo perdendo con le nostre politiche reazionarie e conservatrici.

Il cast incanta tutto.

ECCO IL TRAILER:

Un film di Céline Sciamma. Con Karidja Touré, Assa Sylla, Lindsay Karamoh, Mariétou Touré, Idrissa Diabate.
Titolo originale Bande de filles. Drammatico, durata 112 min. - Francia 2014. - Teodora Film uscita giovedì 18 giugno 2015.

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter