Sei qui: Home Salute Fumare da giovani riduce di 10 anni l’aspettativa di vita

Fumare da giovani riduce di 10 anni l’aspettativa di vita

Il più grande errore che si possa compiere è quello di fumare. Se poi se si inizia da giovani si vive di meno.

Ignazio Marino, presidente della Commissione d'inchiesta sul Servizio Sanitario Nazionale, non lascia spazio e ci va giù chiaro e diretto. “La vita di un fumatore abituale è di circa 10 anni inferiore rispetto a quella di un non fumatore”, dice il medico-senatore.

L’occasione è la presentazione del rapporto redatto dall’associazione I-think, presieduta da Marino, dal titolo: “Generazione in fumo, strategie per non cominciare, strumenti per smettere”.

Soffermandosi sui danni da fumo, Marino esprime preoccupazione per i giovani e snocciola dati inquietanti.

“Un quindicenne ha una probabilità di morire di cancro tre volte maggiore rispetto a chi inizia dieci anni più tardi”, sottolinea.

E’ una bomba ad orologeria che può essere disinnescata con un disegno di legge presentato al Senato.

Età minima di18 anni per l'acquisto e il consumo di prodotti a base di tabacco, oltre ad un inasprimento delle sanzioni nei confronti di chi vende sigarette o derivati del tabacco ai minori.

Ma non finisce qui, la proposta prevede anche l’inserimento di un bugiardino con l’elenco delle quantità delle sostanze cancerogene contenute nel pacchetto si sigarette.

Nel XX secolo il fumo nel mondo ha fatto più morti delle due guerre mondiali: 100 milioni di vittime, oggi causa un decesso ogni 6 secondi.

Per approfondire:

Donne e fumo

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter