Sei qui: Home Salute Ministero Salute, fumo principale causa di morte

Ministero Salute, fumo principale causa di morte

Nel 2030 saranno 5 milioni le vittime causate dal fumo, dati sconcertanti. Il fatto che la sigaretta sia la causa di molti decessi è a conoscenza di tutti, ma forse molti non sanno che supera di gran lunga i decessi provocati da alcol, aids, omicidi, suicidi e droghe.

Il Ministero della Salute nel rapporto 2011 “Attività per la prevenzione del tabagismo” ha messo nero su bianco i numeri che riguardano il mondo dei fumatori: 650 milioni le persone dipendenti dalla nicotina, 5.4 milioni i decessi ogni anno.

Davvero tante le persone che arrivano prematuramente alla morte per colpa di un vizio che alcuni non riescono proprio a togliersi e che altri, invece, sottovalutano.

Il tabacco è stato definito dall’Oms come “la più grande minaccia per la salute nella Regione Europa” e, purtroppo, i dati raccolti palesano una realtà così drammatica.

Soltanto in Italia muoiono circa 70.000 persone ogni anno e almeno 25 sarebbero le malattie provocate dal fumo, sempre secondo i dati del ministero.

Molte anche le morti per fumo passivo: infarti, infezioni respiratorie e asma le cause principali di morte per chi respira il fumo degli altri.

Basterebbe che ogni fumatore prendesse piena coscienza di questi dati, del male che fa a sé stesso (oltre che agli altri), per vincere la maggiore causa di mortalità.

Eppure colui che fuma, pur sapendo di recare gravi danni alla propria persona, non riesce ad abbandonare questo vizio. Forse basterebbe davvero amare se stessi e capire l’importanza della vita.

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter