Cota, avanti con le riforme sulla Sanità in Piemonte

Il Presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, parlando in Consiglio Regionale, nell’aula di Palazzo Lascaris, in merito alle ultime vicende sulla Sanità piemontese, ha affermato; “non ci fermeremo, andremo avanti nel nostro progetto di riforma volto a costruire una sanità efficiente e senza sprechi dove la politica faccia la politica lasciando ai tecnici la gestione”.

Il Presidente Cota continuando il suo intervento in Consiglio Regionale, dopo l’arresto di sette persone e l’avviso di garanzia per l’assessore Caterina Ferrero nell’ambito di un’inchiesta sulla sanità piemontese, ha anche detto che il commissario dell’Asl To5, Vito Plastino è sospeso e si sta valutando la posizione di Sergio Bertone, anche lui, come Plastino finito nell’inchiesta.

Cota, ha anche spiegato che terrà per lui le deleghe della sanità, l’assessore Ferrero aveva già rimesso la delega nelle sue mani, fino alla conclusione della vicenda, chiarendo anche, sulla vicenda dei pannoloni, che “non c'è stato alcun danno erariale poiché la distribuzione continua ad essere fatta da Asl e aziende ospedaliere. La gara per l'assegnazione era stata revocata perché si intendeva arrivare a una ristrutturazione complessiva ma non c'è stato alcun altro atto da parte dell'esecutivo”. (Fonte: La Repubblica)