Sei qui: Home Salute Da audizione “Vita di Donna” dati molto interessanti

Da audizione “Vita di Donna” dati molto interessanti

“L’audizione dell’associazione ‘Vita di donna’, tenuta oggi in Commissione Sanità, ha fornito indicazioni molto interessanti in merito agli indirizzi che la Regione Lazio dovrebbe assumere su diversi temi riguardanti la salute delle donne”.

Lo dichiarano in una nota congiunta Giulia Rodano, consigliere regionale di Italia dei Valori e vicepresidente della Commissione Sanità, e Rocco Berardo, consigliere regionale della Lista Bonino Pannella – Federalisti Europei e membro della Commissione.

“Dalle valutazioni svolte in commissione è emersa innanzitutto la necessità di tornare sulle decisioni assunte dalla Regione in merito alla somministrazione della Ru486” dichiarano Rodano e Berardo.

“Ad oggi, l’obbligo del ricovero di fatto ostacola l’utilizzo del farmaco, al punto che nel Lazio soltanto l’ospedale San Camillo ha potuto predisporre dei posti letto per l’interruzione di gravidanza in via farmacologica: posti letto che peraltro soddisfano solo la metà dell’utenza, mentre le altre pazienti vengono inviate in Toscana dagli stessi operatori dell’ospedale romano.

Come emerso anche dalle indicazioni di ‘Vita di donna’, esisterebbero però validi metodi alternativi per tutelare la salute della paziente senza l’obbligo di permanenza in ospedale per ben tre giorni.

Esiste, ad esempio, la possibilità di allestire un ambiente idoneo che accolga le pazienti in day hospital per il terzo giorno, quello forse più delicato, in cui il percorso abortivo giunge a termine”.

“Presenteremo al più presto una mozione in Consiglio Regionale” annunciano i due consiglieri regionali “in cui inviteremo i vertici della Giunta Polverini a prendere atto del sostanziale fallimento delle linee guida emanate alcuni mesi fa, certificate del resto dalla scarsissima adozione del farmaco negli ospedali della nostra regione, e quindi a ricalibrare i protocolli sulla base delle indicazioni degli operatori”.

“Stando a quanto dichiarato dall’associazione”, continuano Rodano e Berardo “criticità simili vengono registrate anche sulla somministrazione della pillola del giorno dopo, che tuttora può essere negata alle pazienti anche presso i pronti soccorso pubblici.

Anche su questo, solleciteremo il Consiglio Regionale ad assumere atti e iniziative affinché il Servizio Sanitario Regionale tuteli il diritto delle donne del Lazio ad accedere ad un farmaco regolarmente previsto dal prontuario nazionale.

Infine, ci faremo carico di recepire le indicazioni di ‘Vita di donna’ sui due programmi di prevenzione ‘Progetto nascita’ e ‘Gravidanze a rischio’, che possono fornire ottimi spunti per altrettante proposte di legge regionale che mettano al centro la salute della donna e del nascituro nel percorso sanitario che conduce al parto”.

da http://www.giuliarodano.eu

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter