Sei qui: Home Salute Aids: i retrovirali fermano il contagio, per Fazio la strada è il vaccino

Aids: i retrovirali fermano il contagio, per Fazio la strada è il vaccino

Il Ministro della Salute, Ferruccio Fazio, riferendosi ad uno studio americano, pubblicato ieri, che mostra come il trattamento con farmaci retrovirali, su persone a cui è stata appena diagnosticata l’infezione dell’Hiv, ridurrebbe del 96% il rischio di trasmissione del virus, ha dichiarato: “è estremamente importante perchè definisce con chiarezza che l'Aids si può combattere ed estirpare”.

Per il Ministro, però, “non rappresentano la fine della strada, perchè i retrovirali non sono acqua fresca e provocano tutta una serie di disturbi per i quali la qualità della vita del paziente non è la stessa”.

Per Fazio, la strada giusta da seguire, che proprio lo studio americano rinforza è quello dei vaccini, come quello Italiano, in fase di sperimentazione in SudAfrica, coordinato da Barbara Ensoli dell’ISS, “per estirpare la malattia dando una qualità di vita positiva ai pazienti.

Parlando a margine della VII conferenza internazionale sull'accesso universale al trattamento contro l'Aids, proposta dalla comunità di Sant'Egidio, il Ministro ha concluso ricordando che “un grandissimo passo avanti”, come quello mostrato dallo studio americano, chiarisce il concetto che la malattia dell’Hiv si può estirpare. (Fonte: AGI)

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter