Sei qui: Home Salute Riparto, da oggi Regioni in "concilio" per trovare un'intesa

Riparto, da oggi Regioni in "concilio" per trovare un'intesa

Riparto, da oggi Regioni in "concilio" per trovare un'intesa La campanella d'avvio è suonata ieri alle 15, per quella di chiusura si potrà attendere fino a domani. Le Regioni hanno fino a tre giorni per concludere al secondo round il riparto del fondo sanitario 2011. Secondo e ultimo, perché se mercoledì i governatori concluderanno la Conferenza senza un'intesa, verrà applicata d'ufficio la proposta presentata nelle settimane scorse dal ministero della Salute, che divide i 106 miliardi del fondo di quest'anno (dei quali 104 riservati ai Lea) in base alla popolazione pesata per età.

Ed è proprio da questa ipotesi che è ripartito ieri il confronto tra le Regioni, con i governatori del Nord (ma non tutti) a fare quadrato sul criterio demografico e quelli del Centrosud (Campania in testa) a premere perché siano adottati parametri socioeconomici.

In sostanza è un tiro alla fune, anzi alla coperta: se avessero la meglio le Regioni settentrionali la Campania perderebbe circa 450 milioni di euro rispetto all'anno scorso, se passasse la proposta meridionale la Lombardia perderebbe 200 milioni.

Complica i giochi lo spettro dei costi standard: si materializzerà soltanto nel 2013 ma i bilanci che faranno testo per dividere buoni e cattivi saranno quelli che si chiuderanno a dicembre ed è dunque interesse di tutti portare a casa quanto più possibile in termini di stanziamento.

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter