Sei qui: Home Salute Antibioticoresistenza in crescita, per alcuni ceppi al 100%

Antibioticoresistenza in crescita, per alcuni ceppi al 100%

Il consumo sempre più diffuso e improprio degli antibiotici sta rendendo la popolazione resistente a questa classe di farmaci. A causa dell'azione di sensibilizzazione, infatti, alcuni germi patogeni importanti hanno sviluppato livelli di antibioticoresistenza che arrivano fino al 90%, mentre alcuni ceppi sono divenuti resistenti a tutti i 100 antibiotici disponibili, tanto che in un futuro prossimo si comincia a temere di non poter disporre più di alcun farmaco per combattere le infezioni.

A lanciare l'allarme è l'Agenzia italiana del farmaco (Aifa), che insieme all'Istituto superiore di Sanità e il ministero della Salute ha avviato una campagna di sensibilizzazione sull'uso responsabile degli antibiotici.

La causa più frequente di prescrizione dei farmaci antibiotici è rappresentata dalle infezioni delle vie respiratorie (60%), seguita da quelle del sistema urinario (9%), dell'orecchio (6%) e del cavo orale (6%).

In particolare, tra le infezioni delle vie respiratorie la bronchite è la causa più frequente di prescrizione, seguita da faringite, tonsillite e influenza.

L'invito dell'Aifa è, quindi, di ridurre l'assunzione degli antibiotici ai casi di effettiva necessità, senza ricorrere all'automedicazione e attenendosi soltanto alle prescrizioni del medico.

IN ARGOMENTO:

  • Campagna Aifa contro l'abuso e non corretto uso di antibiotici
  • Da scarafaggi e locuste, nuovi antibiotici contro i batteri
  • Dall'India e dal Pakistan i batteri resistenti agli antibiotici
  • left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

    Socials Bottom

    Iscriviti alla Newsletter