Sei qui: Home Salute Due o tre tazze di caffè al giorno contro la disfunzione erettile

Due o tre tazze di caffè al giorno contro la disfunzione erettile

Caffè contro la disfuzione erettile

Secondo un nuovo studio, l'assunzione di caffeina è legata alla riduzione della probabilità di avere la disfunzione erettile negli uomini che bevono l'equivalente di due o tre tazze di caffè al giorno.

Le conclusioni della ricerca sono state pubblicate dai ricercatori dell’Università del Texas sulla rivista PLoS OnE.

Ricordiamo subito che essendo uno studio americano, non si parla della tazzina dell’espresso, ma della tazza di caffè americano, appunto.

La caffeina, non è mai stata presa in considerazione fino ad ora tra i fattori che sono noti per mettere un uomo a rischio di disfunzione erettile, quali una cattiva alimentazione, l'inattività fisica, il fumo ed il consumo di alcool.

Il nuovo studio effettuato nel Texas, ci dice ora che la caffeina, nota per avere effetti benefici sulla salute fisica e mentale, se non se ne abusa, potrebbe portare vantaggi anche per quanto risguarda il problema della disfunzione erettile nell’uomo.

Poiché la funzione erettile e la sua disfunzione, sono un problema in qualche modo legato alla salute cardiovascolare, e poiché è noto che la caffeina può dare alcuni benefici cardiovascolari, l’idea che essa possa aiutare i soggetti che soffrono della disfunzione erettile, non sembra in realtà sorprendere.

Ma per gli uomini che non sono bevitori di caffè devoti, i risultati della ricerca possono essere letti come una buona notizia, ed essere in qualche maniera sorprendenti.

La disfunzione erettile definita come “incapacità del soggetto di sesso maschile a raggiungere e/o mantenere un'erezione sufficiente a condurre un rapporto soddisfacente”, è un disturbo che colpisce negli Stati Uniti circa 18 milioni di uomini di età superiore ai 20. Tra gli uomini di mezza età i numeri crescono, ne soffre circa il 44% sopra i 40 anni, e ne soffrono il 70% degli uomini di età superiore ai 70 anni.

In Italia si stima che circa 3 milioni di uomini ne siano affetti, con una prevalenza globale del 13%, pari al 2% tra 18 e 34 anni e del 48% oltre i 70 anni.

Nello studio, pubblicato su Plos One, gli autori hanno esaminato i dati di 3.700 uomini che hanno compilato questionari sulla loro dieta, le loro abitudini fisiche, consumo di alcol, il consumo di caffeina, sia provenienti da uso di caffè, che da consumo di tè o bevande che contengono caffeina, e di altri fattori di stile di vita, e chiedendo se soffrivano di disfunzione erettile.

Quando il team di ricercatori ha completato le correlazioni fra i dati emersi dai questionari e la presenza di disfunzione erettile, ha scoperto che gli uomini che avevano bevuto 85-170 mg di caffeina al giorno hanno avuto il 42% in meno di probabilità di avere affrontato la disfunzione.

Coloro che hanno bevuto 171-303 mg di caffeina hanno avuto invece il 39% in meno di probabilità.

Tali valori corrispondono all’incirca a due o tre tazze di caffè al giorno.

Secondo i ricercatori la ragioni per cui la caffeina aiuterebbe a non soffrire di disfunzione erettile è dovuta al fatto che la sostanza è nota per influire sulla funzionalità dei vasi sanguigni, e gli autori suggeriscono che questo è il meccanismo probabile che determina i suoi effetti benefici sulla disfunzione erettile.

Nell’articolo gli autori della ricerca hanno scritto che “il meccanismo biologico suggerisce che la caffeina provoca una serie di effetti farmacologici” che, in poche parole, arterie e muscolatura liscia si rilasciano, il flusso di sangue aumenti, e lo spazio "cavernoso" del pene, che contribuisce all'erezione, si riempie di sangue più facilmente.

I risultati sono stati positivi anche per gli uomini con alta pressione sanguigna, o che erano in sovrappeso o obesi, mentre negli uomini con diabete non hanno avuto gli stessi effetti protettivi da caffeina, forse perché il diabete porta con sé una propria serie di problemi vascolari.
I ricercatori, però, non raccomandano di iniziare a bere due o tre tazze di caffè al giorno, se una persona ha passato tutta la sua vita senza caffeina.

Probabilmente vale la pena di parlarne con il proprio medico di fiducia, se si sta pensando di iniziare ad assumere caffè due o tre volte al giorno.

Ma se siete quotidiani consumatori di caffè, è bene sapere che tra i suoi molti benefici per la salute c'è anche questo.

IN ARGOMENTO:

Per la disfunzione erettile è in arrivo una pillola dall’effetto rapido

Il consumo giornaliero di caffè aumenta le difese contro il diabete

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter