Sei qui: Home Salute Londra, paralizzato da quattro anni torna a camminare con un trapianto di cellule olfattive

Londra, paralizzato da quattro anni torna a camminare con un trapianto di cellule olfattive

Paralisi, trapianto

Un uomo bulgaro paralizzato può camminare di nuovo dopo aver ricevuto un trattamento rivoluzionario in Polonia, definito dagli scienziati britannici come "più impressionante di un uomo che cammina sulla Luna".

Darek Fidyka, per 4 anni è stato paralizzato dal torace in giù dopo aver ricevuto una coltellata durante un'aggressione subita nel 2010. Ora con l'aiuto di un telaio può camminare grazie ad un trattamento in cui le cellule nervose dal naso sono state trapiantate nella colonna vertebrale recisa dalla lama. Lo studio e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista specialistica Cell Transplantation.

"Quando non si può sentire quasi la metà del corpo sei impotente, perduto" ha raccontato il paziente alla BBC e che sta ora sta eseguendo la riabilitazione presso l'Akron Neuro-Rehabilitation Centre di Wroclaw.

"Quando si ricomincia a sentire, sai che hai iniziato la tua vita ancora una volta, come rinascere. E' una sensazione incredibile, difficile da descrivere", ha aggiunto l'uomo di 40 anni

La tecnica utilizzata si è avvalsa di cellule olfattive ensheathing specializzate (OECs), che consentono alle fibre nervose vicine di rigenerarsi continuamente.

La procedura è stata portata a termine con due diversi interventi.

Pawel Tabakow, consulente neurochirurgo presso Università di Wroclaw, ha guidato un team di chirurghi nella rimozione di uno dei bulbi olfattivi del paziente, prima del trapianto di cellule coltivate nel midollo spinale.

Le cellule sono state poi trapiantate nel midollo spinale eseguendo un centinaio di micro-iniezioni sopra e sotto la lesione. Inoltre, dalla caviglia del paziente è stata prelevata una porzione di tessuto nervoso ed impiantata nel midollo affinché svolgesse il ruolo di "impalcatura" per i neuroni spinali.

Geoff Raisman, del College London di Neurologia, che ha guidato il team di ricerca britannico, ha spiegato che "Quello che abbiamo fatto è stabilire un principio, cioè che le fibre nervose possono crescere e ripristinare la funzione, a condizione che abbiano un ponte su cui farlo. Per me, questo è più impressionante di un uomo che cammina sulla Luna".

Tabakow ha spiegato che è "sorprendente vedere come la rigenerazione del midollo spinale, qualcosa che si pensava impossibile per molti anni, stia diventando una realtà".

Dopo aver subito la lesione, per due anni Fidyka non ha mostrato alcun segno di ripresa, nonostante le intense sedute di fisioterapia della durata di cinque ore giornaliere.

I primi segnali di miglioramento si sono verificati tre mesi dopo l'intervento chirurgico, quando i muscoli della sua coscia sinistra hanno iniziato a riprendere tono.

Tre mesi più tardi, Fidyka era in grado di muovere i primi passi con l'aiuto di barre parallele e tutori. Ora può camminare utilizzando un telaio ed ha anche recuperato sensibilità alla vescica e all'intestino.

"Penso sia realistico che un giorno tornerò ad essere indipendente - ha commentato il paziente che ha poi aggiunto - quello che ho imparato è che non bisogna mai mollare, ma continuare a combattere, perché qualche porta della vita si può riaprire".

La ricerca è stata finanziata dal Regno Unito Stem Fondazione cellule e dalla Fondazione Nicholls Spinal Injury (NSIF), istituito da David Nicholls che ha avuto un figlio paralizzato a causa di un incidente di nuoto nel 2003.

"Sarebbe il mio più fiero vanto se potessi dire che nessun paziente dovrà pagare un centesimo per una qualsiasi delle informazioni che abbiamo trovato", ha commentato Raisman.

La NSIF ha dichiarato l'intenzione di acquisire i brevetti e renderli liberamente disponibili. "Quando Dan ha avuto l'incidente gli ho fatto la promessa che un giorno avrebbe camminato ", ha raccontato Nicholls alla BBC.

Il fondatore della NSIF ha poi aggiunto di aver destinato fondi in beneficenza per la riparazione del midollo spinale. "I risultati con Darek mostrano che stiamo facendo progressi significativi verso questo obiettivo", ha concluso Nicholls.

La Fondazione UK Stem Cell ha spiegato che ora il team si dedicherà alla ricerca di una migliore fonte di cellule ensheathing olfattive e allo sviluppo di biomateriali in nanofibre sui quali le cellule OECs trapiantate possano crescere.

L'obiettivo dichiarato dai ricercatori è quelli di raccogliere abbastanza soldi per condurre studi clinici su 10 pazienti in Gran Bretagna e in Polonia.

IN ARGOMENTO:

Paraplegico può camminare con le stimolazioni elettriche

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter