Sei qui: Home Salute Arriva il cerotto per la vaccinazione “fai da te”

Arriva il cerotto per la vaccinazione “fai da te”

Cerotto per la vaccinazione fai da te

Il dr. Prausnitz e i suoi colleghi del Georgia Institute of Technology, svolgono un lavoro di ricerca nel quale utilizzano aghi microscopici , ultrasuoni, laser , campi elettrici ed altri mezzi fisici al fine di iniettare in soggetti umani, farmaci, medicine e/o vaccini, con un duplice obiettivo.

Il primo è quello di diminuire i costi nel settore della sanità ed il secondo quello di diminuire l’affollamento negli studi medici americani, dando la possibilità al paziente di ricevere a casa i farmaci e/o i vaccini di cui ha bisogno.

Una importante area di lavoro per il gruppo del professore Mark Prausnitz è appunto quella che prevede l'utilizzo di cerotti con micro aghi per somministrare vaccini iniettati per via intradermica, in maniera indolore e scarsamente invasiva.

Il team ha appena testato, su di un gruppo di circa cento volontari, un cerotto cutaneo con microaghi.

Dalla verifica del dolore provocato dai microaghi, in questa prima fase della sperimentazione, le persone che si sono sottoposte al test hanno classificato il dolore provocato dalle mini punture, dandogli, in una scala da 1 a 100, il valore di 1,5.

La puntura di una normale siringa è stata classificata con un valore di 15.

Ora il prossimo passo nella sperimentazione, è quello di verificare se la somministrazione del vaccino, attraverso un cerotto cutaneo, ha la stessa efficacia e la stessa capacità di protezione di un normale vaccino antiinfluenzale normalmente iniettato.

Se il cerotto passerà in modo soddisfacente il prossimo test, il paziente potrà recarsi direttamente in farmacia dove, grazie alla prescrizione medica, riceverà il suo cerotto fai da te, o addirittura in certe circostanze, lo potrà ricevere a casa con un notevole risparmio di costi e con una diminuzione dell’affollamento dello studio medico.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista “Vaccine” in cui il gruppo del professore Prausnitz ha spiegato la metodologia con la quale è stata fatta la sperimentazione.

Il gruppo di ricerca ha condotto uno studio randomizzato con 91 adulti.

Per simulare la vaccinazione, i soggetti hanno ricevuto un cerotto placebo con microaghi che per tre volte si sono auto somministrati ed una volta è stato somministrato da un ricercatore, nonché una iniezione intramuscolare di soluzione fisiologica.

Settanta partecipanti hanno “attaccato” il cerotto con la sola pressione del proprio pollice ed il resto dei volontari hanno usato dei dispositivi a scatto che chiudono con una certa forza.

Le conclusioni dei ricercatori indicano che i cerotti con microaghi usati per l'auto-vaccinazione contro l'influenza sono utilizzabili e possono portare a una migliore copertura vaccinale, ed i volontari hanno affermato il loro gradimento per questa forma di auto somministrazione nel 76% dei casi.

Vi è da aggiungere che la prescrizione e la somministrazione dei farmaci in America segue regole totalmente diverse dalla nostre.

Per avere un farmaco c’è sempre bisogno di una ricetta ma il medico non la fornisce direttamente nelle mani del paziente, ma la invia alla farmacia del quartiere in cui abita.

Cosi il paziente passa e trova le medicine già pronte per lui e, cosa ancora più importante, un medico americano non prescrive mai una o due confezioni di un farmaco ma fa il conto di quante pillole il paziente ha bisogno per fare una terapia e, se il medico ha deciso che hai bisogno di tre pillole al giorno per sei giorni, il farmacista ti darà diciotto pillole, e non una di più.

Proprio come da noi, si fa per dire..

IN ARGOMENTO:

Vaccini, troppa diffidenza. Si rischia ritorno delle malattie dimenticate

Vaccini antinfluenzali, cresce il numero di italiani che non si vaccinerà

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter