Sei qui: Home Salute Disfunzione erettile: stili di vita dannosi, droghe e alimentazione tra le cause

Disfunzione erettile: stili di vita dannosi, droghe e alimentazione tra le cause

Disfunzione erettile

Uno stile di vita non corretto, l’ansia da prestazione, o anche l’uso di droghe, sono tra le cause della disfunzione erettile. Tra i 18 e i 30 anni, almeno un uomo ogni 20 ne ha sofferto negli ultimi 6 mesi.

L’argomento è oggetto del convegno “La Medicina della Sessualità come paradigma del Benessere Globale” promosso dalla Società Italiana di Andrologia e Medicina della Sessualità, che si tiene a Roma.

Qualche giorno fa abbiamo pubblicato un articolo in cui affrontavamo delle tematiche legate al menarca femminile e parlavamo della mancanza, nel nostro sistema educativo scolastico, del tema della sessualità che continua ad essere appannaggio magari di qualche dibattito televisivo o di qualche rivista, ma che è totalmente assente, come materia importantissima per la formazione dei giovani nella scuola.

Parlavo anche di una sorta di contrarietà, che ho sperimentato sulla mia pelle quando facevo il medico scolastico, delle organizzazioni cattoliche ad introdurre questo argomento nelle scuole, non dico come programma di studio alla pari dell’italiano o della matematica, ma nemmeno come corso di formazione non obbligatorio.

La notizia che oggi rimbalza su molti giornali è che un ragazzo su venti, tra i 18 ed i 30 anni di età ha problemi legati alla sessualità, con episodi di disfunzione erettile anche in giovane età.

Secondo gli esperti le cause che provocano quello che Emmanuele A. Jannini, presidente della Società italiana di andrologia e medicina della sessualità ha definito “Un esercito di sofferenti che non può continuare a essere curato da una sessuologia da salotto o consigli trovati su internet”, sono da riferirsi agli stili di vita dei ragazzi, all’uso di droghe, alla ansia da prestazione, a volte anche al tipo di alimentazione, ed io aggiungerei alla scarsa conoscenza dei meccanismi fisici, biologici e psicologici della sessualità.

Oltre a problemi legati all’erezione della quale soffrirebbero circa tre milioni di italiani, un italiano su quattro è affetto da “eiaculazione precoce”, ed una donna su quattro ha una qualche forma di disturbo legato alla sessualità.

Un quadro abbastanza preoccupante che mi fa pensare che poco o niente è cambiato nelle vita delle ragazze e dei ragazzi che si avvicinano all’adolescenza , da quando quelli della mia generazione, io sono del 1951, imparavano i rudimenti della vita sessuale dai racconti di quelli che definivamo scafati, o dalla lettura di qualche giornaletto pornografico, insomma ricevendo informazioni prive di alcuna scientificità.

La unica differenza con oggi è che i nostri figli, a meno che non abbiano avuto una famiglia nella quale si parli con chiarezza ed alla luce del sole della sessualità, cosa che nella mia famiglia abbiamo cercato di fare, è che oggi i ragazzi accedono a milioni di informazioni su internet, ed ovviamente senza avere nessun tipo di filtro su ciò che gli viene propinato.

La scuola, purtroppo, continua ad essere la grande assente ed a dimenticare che il suo lavoro principale è quello di educare, cioè di condurre fuori dall’ignoranza le ragazze ed i ragazzi fornendoli di strumenti per la comprensione della vita.

Ma ripeto nulla è cambiato, mentre bisognerebbe finalmente cambiare e superare tutte le barriere frapposte alla educazione sessuale nelle scuole, soprattutto quelle delle organizzazioni religiose e ricordarsi che, come sottolineato anche dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, una buona vita sessuale e affettiva è espressione dello stato di salute generale dell'individuo.

IN ARGOMENTO:

Sempre più giovani gli uomini italiani con la disfunzione erettile

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter