Sei qui: Home Salute Aviaria, l’influenza sbarca in Cina. OMS: virus tra i più letali

Aviaria, l’influenza sbarca in Cina. OMS: virus tra i più letali

Gli ultimi due casi di influenza aviaria sono stati accertati nella provincia cinese orientale dello Zhejiang, portando il numero dei contagiati ad un totale di 105, mentre i decessi sono arrivati a 21 unità.

Fulcro dell'epidemia resta Shanghai, dove è iniziata la missione dell'Oms (Organizzazione mondiale della sanità). Nella sola Shanghai si sono registrati, fino ad ora 33 casi di contagio compresi 11 morti.

Nella Provincia dello Jiangsu i morti sono 3 su 24 contagiati; nello Zhejiang, sempre nell'est della Cina, ci sono 5 morti tra 38 casi.

Una persona è morta tra i tre contagiati nell'Anhui, sempre nella Cina orientale, mentre a Pechino c'é stato un contagiato e tre nella provincia centrale dell'Henan.

L'assistente del direttore generale per la sicurezza sanitaria e dell'ambiente dell'Oms, che guida la delegazione, ha ribadito che non ci sono tracce di diffusione della malattia tra gli uomini.

Anche se non è esattamente chiaro come i pazienti possano aver contratto l'infezione, gli esperti finora non hanno prove dello scenario più temuto, quello di un contagio tra esseri umani.

Keiji Fukuda, che è responsabile della sicurezza sanitaria per l'Oms, ha detto che "la situazione resta complessa e difficile ed è in evoluzione".

Un team internazionale di ricercatori guidati dall'Oms e dal governo cinese ha condotto un'indagine di cinque giorni in Cina, ma ha spiegato di non aver fatto progressi per determinare se il virus possa trasmettersi tra persone.

Sebbene il ceppo H7N9 abbia finora un tasso inferiore di mortalità rispetto ad altre varianti, Fukuda ha affermato che "Questo è certamente uno dei virus dell'influenza più letali visti finora".

Uno dei problemi dell'indagine sanitaria è quello che mancano segni evidenti di malattia nel pollame, il che "rende più difficile tracciare e controllare" il virus.

Le autorità sanitarie cinesi, attraverso l'agenzia Nuova Cina, ribadiscono che si tratta di casi isolati e che non c'é dimostrazione di una diffusione del virus direttamente tra gli uomini.

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter