Sei qui: Home Politica Berlusconi pronto a tutto, anche a misure shock

Berlusconi pronto a tutto, anche a misure shock

Berlusconi pronto tutto, anche a misure shockMisure shock, questo dobbiamo aspettarci perché l'Italia è spalle al muro e Berlusconi è o sarebbe pronto tutto. Si pensa ad un maxi emendamento da inserire nella legge di stabilità, che andrà in aula al Senato dalla prossima settimana, accompagnato da un decreto legge.

Si parte dai provvedimenti a costo zero, semplificazione amministrativa e dalle certificazioni, insomma minori vincoli burocratici che però non possono certamente rilanciare definitivamente l'economia.

E allora si pensa anche ad una patrimoniale, un prelievo forzoso, e ad un piano di dismissioni doloroso che non prevede solo la vendita di immobili, ma guarda anche alle preziose e remunerative partecipazioni statali, Eni, Enel, Finmeccanica e persino la Rai.

In queste ore poi non si disdegna neanche il ritorno all'ipotesi dei condoni o dei concordati fiscali. Nel dossier si parla anche di liberalizzazioni delle professioni e dei servizi pubblici locali.

Confermato l'innalzamento della età pensionabile da subito oltre alle misure dei cosiddetti licenziamenti facili e alla possibilità di anticipare il taglio delle agevolazioni fiscali, che a regime dovrebbe portare ad un risparmio di 20 miliardi di euro nel 2014.

Per fare tutto ciò manca solo una cosa, l'accordo politico. Perché la discussione non è su quali strumenti legislativi utilizzare, il vero nodo è sui contenuti, su questi infatti si sta consumando definitivamente il rapporto tra Silvio Berlusconi e Giulio Tremonti, insieme per forza fino a fine della crisi.

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter