Sei qui: Home Politica Giustizia è fatta, Berlusconi ai domiciliari o ai servizi sociali

Giustizia è fatta, Berlusconi ai domiciliari o ai servizi sociali

Berlusconi sentenza definitivaPer il Cavaliere condanna in via definitiva per il processo Mediaset, la Cassazione conferma dopo sette ore di camera di consiglio. L’ex premier è colpevole di frode fiscale e viene condannato alla pena di 4 anni, di cui tre indultati. L’interdizione è stata invece rinviata alla Corte d’appello che dovrà ripetere il calcolo nell’ambito dei 3 anni.

Se non è la fine politica di Berlusconi, con il Cavaliere la cautela è sacrosanta, è qualcosa che certamente irrompe in modo disastroso nella sua vita privata e pubblica . Passeranno forse un paio di mesi ma questa volta è certo, il pregiudicato Berlusconi finirà ai domiciliari o ai servizi sociali.

Con il suo pronunciamento la Cassazione conferma la sentenza della Corte d’appello che aveva a sua volta fatto propria quella del Tribunale. Quest’ultima descriveva l’ex premier come un individuo ad “alta capacità a delinquere”.

Con questa prima condanna definitiva perde il titolo di “Cavaliere” ma, soprattutto, rischia la non cadidabilità per sei anni e la decadenza da senatore. Per la legge Severino è sufficiente una condanna a due anni. Il decreto legislativo 235 del dicembre 2012 stabilisce con l’articolo 3 che la sopravvenuta “causa di incandidabilità” comporti un voto del Parlamento.

La Giunta per le elezioni e le autorizzazioni avrà la patata bollente. Infatti Berlusconi potrebbe essere salvato dall’indulto di 3 anni che riduce la pena da 4 a 1 anno. Basterebbe far prevalere la condanna effettiva di un anno , anziché considerare quella di quattro. Questione difficilissima e spinosa dall’esito incerto.

I suoi avvocati, Ghedini e Coppi, si dicono sgomenti e annunciano battaglia anche nelle sedi europee. Circostanza almeno curiosa considerata la reputazione goduta da Berlusconi e descritta dai media di mezzo mondo. E’ difficile pensare che l’Europa presieduta da Martin Schulz, quello a cui Berlusconi aveva dato del kapò, lo possa salvare dalle condanne dei tribunali italiani.

Una cosa è certa, Berlusconi, ex premier, ex Cavaliere, è un pregiudicato.

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter