Il pane

Pane

L’homo sapiens mescolava ghiande ridotte in polvere ed acqua e stendeva tutto su una pietra piatta rovente. Otteneva così una focaccia. Poi la farina di ghiande venne sostituita dalla farina di cereali... La scoperta della lievitazione invece è avvenuta per caso (come mille e mille scoperte culinarie) da parte degli Egizi si dice nel 3000 a.C. Un impasto dimenticato il giorno dopo dava come risultato un pane morbido.

Nel 2000 a.C. gli stessi Egizi costruirono i primi forni. Nei geroglifici sono presenti centinaia di simboli del pane.

E noi? A Roma nel 150 a.C. nacque una corporazione di Mestieri: i pistores… i panettieri.

I pistores iniziarono a creare varie forme ed anche vari tipi di pane tra cui curiosa attenzione merita la placenta, una focaccia fatta di acqua e orzo. Sì, la placenta che conosciamo come termine ostetrico, si chiama così proprio dal nome di quella focaccia.

Nel Medioevo il pane divenne più “ricco” e si iniziò ad aggiungere altri ingredienti: formaggio, erbe, olive….

Il pane si faceva nei forni artigiani o in casa e fu il 1800 che vide iniziare la sua produzione su scala industriale e ciò perché vennero introdotte le macchine ed i lieviti chimici.

Oggi è tornato alla produzione casalinga grazie alle geniali, pratiche ed economiche macchine del pane.

Tipi e varietà di Pane Italiano

Margherita Maria Caruso Galanti

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter