Sei qui: Home Cucina Il Vino Datazione con il carbonio 14 per scoprire i vini d'annata falsificati

Datazione con il carbonio 14 per scoprire i vini d'annata falsificati

Vini d'annata

Il mercato dei vini, oltre a quelli comunemente usati durante i pasti e a quelli più impegnativi serviti in alcuni ristoranti, ha una fascia di prodotti d’annata di grandi vini che per la loro particolarità ed il loro pregio, sono vendute a collezionisti a cifre inimmaginabili per i non addetti ai lavori.

Va da sé che in un mercato così particolare, dove una bottiglia può costare svariate migliaia d’euro esistono anche dei falsi che secondo gli esperti del settore, potrebbero essere un 5% del totale.

Ma ora, grazie ai ricercatori dell’Università d’Adelaide, scoprire i falsi potrà essere semplice, basterà, infatti, usare lo stesso metodo usato per datare reperti archeologici, quello del carbonio 14.

Il carbonio 14 è un isotopo radioattivo del carbonio, presente nell’atmosfera e in tutti i materiali organici ed è usato in archeologia nella datazione d’oggetti e manufatti.

È ovviamente presente anche nell’uva e quindi nei vini, e usando uno spettrometro di massa è possibile datare il vino contenuto nella bottiglia in base al suo contenuto di carbonio 14.

Il test è stato realizzato su un campione di 20 bottiglie d’annate che vanno dal 1958 al 1997, ed i risultati ottenuti, sono stati con un margine d’errore di circa 1 anno.

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter