Sei qui: Home Cucina Gli Alimenti Il pesce azzurro

Il pesce azzurro

Il pesce azzurro

Non si tratta di una particolare specie di pesce bensì di alcune di esse che però hanno in comune il colore: il dorso tendente al blu o al verde e il ventre argento.

Se ne sente parlare spesso e molto e ovunque anche molto bene.

Quali sono i vantaggi per alimentarsi con pesce azzurro?

A) Primo fra tutti il prezzo che è molto più basso di quello di altri pesci in commercio.

B) E poi la presenza nelle sue carni di Omega 3, quegli acidi grassi essenziali che:

  • Abbassano il colesterolo totale e aumentano il colesterolo "buono" HDL.
  • Riducono i trigliceridi anche del 40%.
  • Prevengono i disturbi cardiovascolari ed ostacolano la formazione di trombi.
  • Combattono l'ipertensione.
  • Sono particolarmente utili nella terapia dell'artrite e di altri disturbi infiammatori.
  • Risultano essere ottimi coadiuvanti nella cura della psoriasi e di altre affezioni della pelle.
  • Abbassano il rischio per alcuni tipi di cancro.
  • Agiscono sul microcircolo (utile per cellule ed edemi).
  • Producono ormoni.
  • Allungano i tempi di coagulazione del sangue.
  • Facilitano nella risposta immunitaria ed antinfiammatoria in caso di ferite ed infezioni.
  • Migliorano i sintomi dell'Alzheimer, del morbo di Crohn, del Lupus, della schizofrenia, dei disturbi bipolari, della sindrome pre-mestruale e delle mestruazioni dolorose.
  • Migliorano memoria, concentrazione ed apprendimento.
  • Riducono il rischio di degenerazione maculare della retina.
  • Migliorano l'umore e le forme di depressione.
  • Rinforzano il sistema immunitario.

C) La presenza di proteine, potassio, selenio e vitamina B12 .

Sulle nostre tavole arrivano soprattutto le sardine, le alici (o acciughe), lo sgombro, l’aguglia e la saraghina.

Sardina: corpo ovale con squame ventrali appuntite, bocca rivolta verso l'alto e occhio è grande. Tutto il corpo, ad eccezione della testa, è ricoperto di grosse squame molto caduche. Pinne ventrali molto indietro oltre la dorsale, pinne pettorali in basso. Lunghezza di 20-25 centimetri.

Nomi dialettali: Sarda, Sardella (Abruzzo); Sarda, Sardella (Calabria); Sarda, Sardone (Campania); Sardèla, Sardela (Friuli Venezia Giulia); Sardene, Sardeinna (Liguria); Sarda, Sardella (Lazio); Saracca, Sarda (Marche); Sarda, Sardèdde (Puglia); Saraca, Sarda (Sicilia); Sarda, Sardinine (Sardegna); Sarda, Sardella (Toscana); Sardella, Sardèla (Veneto)

Alice o acciuga: corpo lungo, squamoso, muso breve, pinne pettorali normali, pinna della coda a V, mascella inferiore più corta della superiore. Lunghezza 15-20 centimetri.

Nomi dialettali: Argentini e Nudini (nov.) (Abruzzo); Aliciàstra, Aliciastrùni (Calabria); Alice `e sperone, Alice annure (giov.) (Campania); Sardela, Sardòn (Friuli Venezia Giulia); Amarou, Ancioa (Liguria); Sardela, Sardone (Marche); Aléce, Alice de sperone (Puglia); Aléce Masculina (Sicilia); Anciona, Angioja (Sardegna); Anchiò, Sardòn (Veneto).

Sgombro: corpo allungato e affusolato, bocca a punta, occhi grandi, due pinne dorsali, alla seconda ne seguono 5 piccolissime sul peduncolo caudale, opposte e simmetriche ad altre 5 pinnette tra pinna anale e caudale, coda molto bilobata. Non ha squame. Lunghezza sino a 50 centimetri.

Nomi dialettali: Lacerto, Sgummero (Abruzzo); Palamitu, Strummu lacertu (Calabria); Lacierto, Scurtone (Campania); Ganzariol, Macarelo (Friuli Venezia Giulia); Ariòlo, Ariòla (Liguria); Lacerto (Marche); Lacertu, Naccarijello (Puglia); Scarmu, Scambirru (Sicilia); Cavaglia, Cavàllia (Sardegna); Lacerto, Lagerto (Toscana); Ganzariol, Garzariol (Veneto).

Aguglia: Corpo molto affusolato, pinne posteriori, becco corneo molto flessibile, mandibola più lunga della mascella. Lunghezza sino a 90 centimetri.

Nomi dialettali: Liguria: becassin - Veneto: bisigola - Marche: agora - Toscana: aguglia - Abruzzi: guse - Lazio: aguglia - Campania: aguglia - Puglia: ache - Calabria: agugghia - Sicilia: augghia - Sardegna: becculongu. Saraghina Corpo fusiforme simile alla sarda, pinna dorsale unica verso la parte posteriore, bocca mediamente grande con mascella inferiore più sporgente, pinna caudale a V. Nomi locali: Sarda, Sardella (Abruzzo, Lazio), Sardedda, Sarducola (Calabria), Menza sarda, Biancomangiare (Calabria), Saraca (Campania).

IN ARGOMENTO:

Le ricette di Vita di Donna, abbinamento dei vini i consigli e i trucchi

Tutto sull'alimentazione

Le diete dimagranti

Gli alimenti

Le ricette

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter