Sei qui: Home Cucina Gli Alimenti In Italia sempre più frodi a tavola

In Italia sempre più frodi a tavola

In Italia sempre più frodi a tavola Ogni anno entrano nel nostro Paese prodotti alimentari "clandestini" e "pericolosi" per oltre 2 miliardi di euro: poco meno del 5% della produzione agricola nazionale. Lo ha sottolineato la Cia (Confederazione italiana agricoltori) durante la V Assemblea elettiva nazionale svoltasi a Roma.

I sequestri da parte delle autorità competenti italiane nel 2008 sono più che triplicati rispetto all'anno precedente - segnala la Confederazione - e il rischio di portare a tavola cibi "a rischio" e a prezzi "stracciati" è sempre più incombente, avverte. I più colpiti dalle sofisticazioni sono i sughi pronti per la pasta, i pomodori in scatola, il caffé, la pasta, l'olio di oliva, la mozzarella, i formaggi, le conserve alimentari.

Ad allarmare di più sono i prodotti che arrivano dalla Cina che, nonostante il calo delle esportazioni ufficiali in Italia nel 2009 (-12%), riesce a far entrare nella Penisola grandi quantità di prodotti che possono mettere a repentaglio la salute, oltre a provocare gravi danni all'economia agricola nazionale, prosegue la Cia.

Ma la cosa più grave, precisa, è che in Italia arrivano prodotti alimentari di scadente qualità e soprattutto non sicuri sotto l'aspetto della salubrità. Il 75% degli articoli contraffatti sequestrati nel 2008 in Ue veniva dalla Cina. Oltre che dal gigante asiatico, gli agroalimentari sequestrati provengono per il 14% da Hong Kong e per il 4% da Taiwan. A seguire Svizzera, Repubblica Araba, Turchia, Ucraina, Russia.

Le esportazioni cinesi, tuttavia, rappresentano l'elemento più preoccupante. In Italia, in particolare, si registra una vera e propria invasione di derivati del pomodoro (cresciuti di oltre il 130%), di aglio (più del 120%), mele e funghi, verdure in scatola. Tutti prodotti che possono essere facilmente spacciati come made in Italy, proprio per la mancanza dell'obbligo di indicare in etichetta la provenienza.

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter