I fagioli

Fagioli

E’ tempo di fagioli... adesso li troviamo freschi sui banchi delle verdure. Impariamo anche a conoscerli. Si tratta come tutti sanno di legumi. Il loro arrivo é seguito alla scoperta dell’America dove erano coltivati sin da 7.000 anni fa dai Popoli Andini e dell’America centrale insieme al mais.

Non é che nel Mondo antico non esistessero i fagioli ma non erano quelli che conosciamo oggi. Si trattava dei Vigna di provenienza sub sahariana ed apprezzati moltissimo dagli -Antichi Romani-.

Ma l’arrivo delle nuove leguminacee ha relegato i Vigna a ruoli minori anche perché questi ultimi hanno una resa di coltivazione che é esattamente la metà di quella dei “cugini americani”.

Dei fagioli consumiamo i semi (il contenuto dei baccelli) sia freschi che secchi oppure i baccelli interi (fagiolini).

Ci sono oltre 500 varietà di fagioli di cui alcune sono ormai solo italiane a IGP (Indicazione Geografica protetta) e che si distinguono fra loro per il colore dei fiori e/o del baccello, la forma, la dimensione ed il colore del seme...

I fiori di fagiolo sono molto belli, a cinque petali e di vari colori (bianchi, rosa, gialli...), rivolti verso l’alto (da qui il loro nome: vessillo), i frutti sono il baccello ed i semi sono quello che comunemente chiamiamo fagioli.

A questo punto si capisce che il nome fagiolo appartiene in realtà alla sola pianta intera. Ma chiameremo fagioli da adesso in poi i semi, come siamo abituati.

Vediamo intanto cosa ci danno queste leguminacee così varie di aspetto, colore e dimensioni.

Prima di tutto le proteine che in 100 grammi di prodotto secco sono presenti nella quantità di 22,4 grammi e quindi i fagioli vengono raccomandati come sostitutivo nelle diete in cui mancano carni e pesci (per motivi geografici o economici) e anche per diminuire i danni cardio-circolatori di chi fa eccessivo consumo carne.

I fagioli si sa che hanno un contenuto molto inferiore di grassi rispetto alla carne ed in più contengono la preziosa leticina che addirittura scioglie i grassi presenti nel sangue e quindi é un’ottima barriera all’aumento del colesterolo. In più sono molto sazianti e quindi anche la quantità di cibo consumata non sarà eccessivamente alta.

Hanno il pregio di poter essere conservati per molto tempo (si arriva ad 1 anno) tramite l’essicazione e basterà farli rinvenire in acqua per farli tornare praticamente allo stato in cui erano da freschi.

Come detto precedentemente oggi abbiamo molte varietà di fagioli.

Queste quelle coltivate in Italia. I “Cornetto” ed i “Mangiatutto” sono meglio noti come fagiolini.

  • Cornetto Largo Giallo e Cornetto Largo Verde
  • Anellino Giallo
  • Beurre de Rocquencourt
  • Bingo
  • Blason
  • Blu della Valsassina
  • Bobis Bianco
  • Bobis a Grano Bianco e Bobis a Grano Nero
  • Borlotto Lingua di Fuoco e Borlotto Lingua di Fuoco Nano
  • Borlotto Suprema dwarf
  • Borlotto di Vigevano Nano
  • Cannellino o Lingot
  • Cantare
  • Giallorino della Garfagnana
  • Lamon
  • Meraviglia di Venezia black
  • Nano Burro mangiatutto
  • Nerina mangiatutto
  • Prelude dwarf mangiatutto
  • Romano Pole
  • Slenderette mangiatutto
  • Corona di Spagna
  • Sossai Extra Large (varietà protetta)
  • Stregonta e Stregonta Nano
  • Superbo Migliorato
  • Superpresto mangiatutto
  • Trionfo Violetto mangiatutto
  • Wade mangiatutto

Poi abbiamo le tipiche varietà italiane che si fregiano dell’ IGP (Indicazione Geografica Protetta) e di cui indico tra parentesi la Provincia di produzione:

  • Fagiolo di Lamon della Vallata Bellunese IGP (Belluno)
  • Fagiolo di Sarconi IGP (Potenza)
  • Fagiolo di Sorana IGP (Pistoia)
  • Fagiolo Scalda (Vicenza)
  • Fasóla posenàta di Posina (Vicenza)
  • Borlotto nano di Levada (Treviso)
  • Fagiolino "Meraviglia di Venezia" (Venezia)
  • Fagiolo di Carìa (Vibo Valenzia)
  • Fagiolo di Badalucco (Imperia)
  • Fagiolo di Atina (Frosinone)

Ed ora vediamo alcune regole d’oro per cuocere al meglio questo prezioso legume.

Se avete legumi secchi metteteli a bagno per 8 ore in acqua fredda tenendo presente che assorbendo acqua aumenteranno moltissimo quindi fate una giusta proporzione usando acqua sei volte il peso dei fagioli (500 grammi di fagioli = 3 litri di acqua), quindi dopo 8 ore scolate e lavate sotto acqua corrente fredda.

Sia che si tratti di prodotto fresco o reidratato mettete a cuocere i fagioli in acqua utilizzando per ogni 500 grammi di legumi 8 bicchieri di acqua (circa 1300 grammi).

Usate il coperchio da subito.

Sarebbe stupendo se tra le vostre pentole ci fosse una legumiera... ma tutto non si può avere per cui usate una pentola alta.

Non salate l’acqua nella maniera più assoluta! Il sale lo metteremo a cottura ultimata.

Quando l’acqua bolle abbassate la fiamma al minimo (l’ideale é metterla su un fuoco più piccolo) e coprite.

Quanto tempo occorre? Si va dall’ora e mezzo alle due ore.

Controllate la cottura ma alzando solo da una parte il coperchio e non levandolo del tutto... le nostre nonne dicevano che se no i fagioli non cuociono più anche se li facciamo bollire ore.

A cottura ultimata salate, mescolate delicatamente e coprite di nuovo spegnendo il fuoco e lasciando riposare per mezz’ora.

Qualche ricetta con i fagioli:

Fagiolini e mozzarella in vinaigrette d'acciughe e aceto di mele

Fridais (Sri Lanka)

Insalata appetitosa

Insalata russa

Minestrone di verdure e garofani

Polpettone di legumi

Torta di verdure al latte di riso

IN ARGOMENTO:

Le ricette di Vita di Donna, abbinamento dei vini i consigli e i trucchi

Tutto sull'alimentazione

Le diete dimagranti

Gli alimenti

Le ricette

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter