Sei qui: Home Spettacolo Cinema
fratelli  Coen,  Ave  Cesare!

Ave Cesare!

Ave Hollywood!

L’ultimo film dei fratelli Coen, Ave Cesare!, è un omaggio alla gloriosa epoca degli studios di Hollywood. Tra giochi d’acqua fantasmagorici, inseguimenti a cavallo e numeri di ballo di alta scuola, i due registi imbastiscono una trama attenta ai grandi temi alla base del successo della

Leggi tutto...

  • Scritto da Francesca Galli
Il caso Spotlight

Il caso Spotlight. E’ la stampa, bellezza!

Quando il film Il caso Spotlight arriva alla didascalia finale, prima dei titoli di coda, lo spettatore italiano si sente profondamente a disagio ed incomincia a vergognarsi come un ladro. Che cosa contiene di così terribile quella scritta?

Leggi tutto...

  • Scritto da Francesca Galli
Il figlio di Saul, László Nemes

Il figlio di Saul, l’inferno in terra

E’ mattina presto e sono pronto: i miei stracci lerci mi cadono addosso come sempre, la mia faccia terrea e i miei occhi sbarrati mi spingono a non alzare lo sguardo, la X rossa disegnata sulle mie spalle è un invito a seguirmi: sono qui per condurvi all’inferno.

Leggi tutto...

  • Scritto da Francesca Galli
Il  labirinto  del  silenzio

Il labirinto del silenzio. Il dovere della giustizia

Come si forma una memoria condivisa? E come passare da un piano di responsabilità individuale a uno collettivo? Domande di per sé difficili ma rese ancora più ostiche se accostate alla elaborazione del nazismo e della Shoa nella Germania del dopoguerra.

Leggi tutto...

  • Scritto da Francesca Galli
Stanley Kubric

"S is for Stanley", Kubric dietro le quinte

Visto in anteprima, prima della sua apparizione nelle sale e al prossimo festival di Berlino, il nuovo medio metraggio di Alex Infascelli, il documentario "S is for Stanley".

Leggi tutto...

  • Scritto da Francesca Galli
The revenant

Revenant. Oscar su commissione

Dunque la voglia (giustificata) di vincere il premio Oscar da parte di Leonardo Di Caprio si congiunge con il cinema mainstream di Alejandro Iñárritu. L’incontro produce il film del momento: Revenant, western ambientato nei mitici anni della Frontiera, agli inizi dell’800. E soprattutto c’è la natura che la fa da padrona, determinando i destini degli uomini e provocando con la propria spietata ferocia, gli avvenimenti narrati in questo kolossal su commissione.

Leggi tutto...

  • Scritto da Francesca Galli
bella e perduta

Patria nostra

Pietro Marcello, originario di Caserta, ci aveva già regalato il magnifico documentario, vincitore del Film Fest di Torino del 2009, La bocca del lupo. In quel piccolo capolavoro Marcello aveva svelato i suoi soggetti preferiti: gli esclusi, la poesia della realtà, la crudeltà del destino spesso esercitato da altri, una rara capacità di mescolare documentario con elementi di finzione.

Leggi tutto...

  • Scritto da Francesca Galli
La  legge  del  mercato  di  Stéphane  Brizé

La legge del mercato di Stéphane Brizé

Mercato della morte

Il cinema francese, nell’affrontare il tema del lavoro, ha descritto le derive e i guasti provocati dal neoliberismo ormai imperanti nel sistema sociale mondiale. Film come Risorse umane di Laurent Cantet, Due giorni e una notte dei fratelli Dardenne oppure le opere di Robert Guédiguian hanno promosso una riflessione critica sulla perversione del concetto di lavoro come attività nobilitante per l’essere umano.

Leggi tutto...

  • Scritto da Francesca Galli
Deepan  di  Jacques  Audiard

Deepan, di Jacques Audiard: Noi non sappiamo niente

Noi occidentali non sappiamo niente: dell’inferno da dove provengono spesso i rifugiati malamente ospitati; dell’atroce sofferenza interiore generata dal sentimento di perdita e, a volte, della guerra portata come un indelebile vestito di cui è impossibile disfarsi.

Leggi tutto...

  • Scritto da Francesca Galli
Much  loved

Much loved: dominio e oblio

Distribuito dalla stessa casa che ha portato nelle sale italiane l’ultimo film di Panahi (Taxi Teheran), la Cinema del patron della BIM Valerio De Paolis fa centro un’altra volta con l’ultima opera del regista francese di origini marocchine Nabil Ayouch, Much loved.

Leggi tutto...

  • Scritto da Francesca Galli
Festival di Venezia 2015

Di che cosa parliamo quando parliamo di cinema

Alcune considerazioni sull’ultimo Festival del Cinema di Venezia (e sui festival in genere). Mi piacerebbe, qui, trattare il caso di tre bellissimi film presentati all’ultimo festival in laguna, dei loro destini e del loro significato, simbolico, ben al di là delle loro intenzioni essendo il cinema, in fondo, un’arte molto semplice: voglio fare un film, cerco i soldi, li trovo, lo faccio e lo presento al pubblico. Perché il cinema, come tutte le arti, non esiste senza lo sguardo dell’altro.

Leggi tutto...

  • Scritto da Francesca Galli

Taxi Teheran, l’ambigua bellezza della realtà

Nonostante la condanna insensata a cui è stato condannato dal suo governo (domiciliazione coatta, divieto di girare film per 20 anni), il regista iraniano Jafar Panahi ci stupisce con la forza del suo cinema clandestino nel suo ultimo film Taxi Teheran, vincitore dell’Orso d’Oro all’ultimo Festival di Berlino.

Leggi tutto...

  • Scritto da Francesca Galli
Céline Sciamma,  Diamante  nero

Diamante nero. Giovani, arrabbiati e belli

E’ sui nostri schermi l’ultimo film della regista francese Céline Sciamma, Diamante nero. Il titolo in italiano fa esplicito riferimento a una delle canzoni della colonna sonora, Diamond di Rihanna, ma non rende giustizia al cuore dell’opera come il titolo originale, Bande des filles (Banda di ragazze), ovvero la formazione, la ribellione ed il dolore di crescere in una banlieu parigina se si è una giovane donna nera e povera.

Leggi tutto...

  • Scritto da Francesca Galli
Il racconto dei racconti

Il racconto dei racconti - Basile kolossal

Fa piacere constatare come anche i registi italiani, coadiuvati da una produzione plurinazionale, siano capaci di sfornare kolossal epico-fantastici, con effetti speciali ma senza tralasciare la qualità della tradizione italica. Si sta parlando, evidentemente, del nuovo film di Matteo Garrone, presentato all’ultimo Festival di Cannes, Il racconto dei racconti.

Leggi tutto...

  • Scritto da Francesca Galli

Forza Maggiore, il film svedese di Ruben Östlund

Nessuna qualità agli eroi

Il grado di decadenza di una civiltà si misura anche in grandiosità. Luchino Visconti, regista decadente per eccellenza, mostrava con dolore e magnificenza il crepuscolo della sua classe sociale, l’aristocrazia. Non nascondendone la viltà o l’accidia ma raccontando il dolore che accompagna la consapevolezza della propria fine, la tragicità della scomparsa vissuta fino in fondo.

Leggi tutto...

  • Scritto da Francesca Galli
La  famiglia  Bélier  del  regista  Eric  Lartigau

La famiglia Bélier, musical in salsa francese

E’ nelle sale italiane, riscuotendo un discreto successo, La famiglia Bélier del regista transalpino Eric Lartigau. E’ da tempo ormai che i cugini d’oltralpe si cimentano con successo a rifare, in salsa francese, buone formule cinematografiche di successo di origine americane.

Leggi tutto...

  • Scritto da Francesca Galli
Meraviglioso Boccaccio, Fratelli Taviani

Maraviglioso Boccaccio

Meravigliosi Taviani
Si sentono sempre più spesso alzarsi dalle lande italiche alti lai sullo stato comatoso del nostro cinema. Niente di più falso: basta andare a vedere l’ultimo film dei magnifici fratelli Taviani perché i disfattisti siano tacitati.

Leggi tutto...

  • Scritto da Francesca Galli
Mike  Leigh,  Mr.  Turner

Mr. Turner, bellezza e grigiore del genio

Nessuno ha la sapienza degli inglesi nel saper celebrare la propria Storia. Fin dai tempi di Shakespeare questa è un’arte di dominio anglo-sassone.

Leggi tutto...

  • Scritto da Francesca Galli

Timbuktu. Quel che resta dell’umanità

Constatata la sconfitta del bellissimo film di Abderrahmane Sissako, Timbuktu, ai recenti Oscar come miglior film straniero, non possiamo non rallegrarci per l’esistenza stessa di un simile capolavoro.

Leggi tutto...

  • Scritto da Francesca Galli
Hungry  hearts

Hungry hearts, il film di Saverio Costanzo

Perché fare un film
Che cosa distingue un capolavoro (o anche un buon film) da uno confuso e privo di certezze? Forse il tempo: questo non è certamente un’era in cui si producano capolavori (ad eccezione dei fratelli Dardenne). Sicuramente la qualità degli autori. Ciò che ha reso indimenticabili Ultimo tango a Parigi o La dolce vita è la capacità di questi film di fondere storia individuale con Storia collettiva; interrogativi o critiche alla società contemporanea e capacità divinatorie (come ci saremmo trasformati).

Leggi tutto...

  • Scritto da Francesca Galli
L'amore bugiardo

L’amore bugiardo – Gone Girl

American Way of Life
Imperversano, ai giorni nostri, svariati dibattiti che in qualche modo s’intrecciano tra loro aventi come punto focale la donna e la sua condizione socio-economica.

Leggi tutto...

  • Scritto da Francesca Galli

Articoli in argomento

Pubblicità no adsense
left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter