Sei qui: Home Salute Alcol: Istat, 8 milioni gli italiani a rischio

Alcol: Istat, 8 milioni gli italiani a rischio



Alcol: Istat, 8 milioni gli italiani a rischio In calo il consumo di alcol giornaliero, ma dilaga sempre di più la moda del bere lontano dai pasti, soprattutto tra i più giovani. A riferirlo i dati del Rapporto Istat sull'uso e l'abuso di alcol in Italia.

A rischio 8 milioni e 179mila italiani, il 15% sono giovani e l’11% giovanissimi sotto i 15 anni. Se è vero che il consumo giornaliero di alcol è diminuito rispetto a dieci anni fa, a preoccupare sono soprattutto i giovani sempre più attratti dall’usanza di bere con gli amici fuori pasto, molto e in po tempo (binge drinking).

Dal 15,5% del 2001, nella fascia d’età compresa tra i 14 e i 17 anni, si è passati al 18,8% del 2011. "Bisogna insistere sull'educazione ad un modo di bere moderato e consapevole, legato ai pasti”, dichiara Confagricoltura commentando i dati del Rapporto Istat.

L’allarme non riguarda soltanto i maschi, anche le giovani ragazze sembrano non disdegnare affatto un bicchierino in più, tanto che negli ultimi quindici anni il numero di consumatrici donne, tra i 14 e 17 anni, è quasi triplicato. Nella fascia d’età 18-24 anni si parla invece di un aumento dal 33,7% al 41,9%.

"Dobbiamo aiutare i giovani – afferma il ministro Renato Balduzzi - a fronteggiare le pressioni sociali al bere in contesti significativi come la scuola, i luoghi del divertimento, della socializzazione e dello sport. E realizzare interventi di intercettazione precoce del consumo giovanile a rischio".

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter