Sei qui: Home Salute Aids: stop al "preservativo" in Rai, censurato il "profilattico"

Aids: stop al "preservativo" in Rai, censurato il "profilattico"



Aids: niente "preservativo" in Rai, censurato il "profilattico" Il Vaticano lo vieta ma almeno ne pronuncia la parola, stiamo parlando del profilattico o, come si preferisce, il preservativo. Sembra invece che al ministero della Salute e in Rai la parola sia vietata e impronunciabile anche in occasione della Giornata mondiale contro l'Aids.

Così il Corriere della Sera pubblica il testo di una e-mail indirizzata a tutte le redazioni e ai conduttori della trasmissioni Rai che hanno parlato dell'iniziativa.

L'e-mail, che sarebbe firmata da Laura De Pasquale, funzionaria Rai, chiede ai "carissimi" di non pronunciare espressamente la parola "profilattico" per andare incontro alla richiesta del ministero. Quest'ultimo, secondo l'e-mail, chiederebbe invece di "limitarsi al concetto generico di prevenzione nei comportamenti sessuali e alla necessità di sottoporsi al test Hiv in caso di potenziale rischio".

L' ufficio stampa della Rai precisa successivamente che non risultano inviate e-mail con indicazioni del genere. Lo stesso portavoce del ministro della Salute Renato Balduzzi dice all'agenzia ASCA che "Nessuna indicazione è venuta dal ministero della Salute circa l'uso della parola profilattico e preservativo all'interno di programmi Rai nella giornata mondiale dell'Aids".

Ma a Rosaria Iardino, presidente Nps (Network Persone Sieropositive), non è sfuggito che, durante il comunicato ufficiale e nella conferenza stampa che illustravano la Giornata mondiale dell'AIDS, le parole profilattico o preservativo non venivano mai pronunciate.

Considerato che profilattico è tuttora la prima arma di difesa dal virus dell'AIDS, si può immaginare l'arrabbiatura della Iardino che ha sollevato la questione.

Così anche la politica entra in campo sulla faccenda. Silvana Mura (IDV) chiede che il ministro Balduzzi "chiarisca al più presto e ufficialmente la vicenda" che Paola Concia (PD) definisce "sconvolgente".

Il Partito Democratico, dopo le smentite del ministero della Salute, chiede che la Rai faccia chiarezza e chiede di conoscere l'autore materiale dell'e-mail inviata che "invitava i giornalisti del servizio pubblico a non pronunciare la parola profilattico e limitarsi a concetti generici di prevenzione nei comportamenti sessuali". Cosi Pina Picerno del Pd ha annunciato un'interrogazione parlamentare al ministro per lo Sviluppo Economico, Corrado Passera.

Ma intanto ci si chiede cosa ci sia dietro, anche se i sospetti, soprattutto delle associazioni gay, cadono su un qualche ruolo che la Chiesa avrebbe avuto nel suggerire questa proibizione.

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter