Sei qui: Home Salute Adolescenti, testicoli più piccoli tra chi fa abuso di alcol

Adolescenti, testicoli più piccoli tra chi fa abuso di alcol



Riduzione del volume dei testicoli negli adolescenti

Lo raccontano gli andrologi che hanno visitato 4 mila adolescenti, il 14% presenta una riduzione del volume dei testicoli. Alcol e droghe tra le cause individuate.

Si è svolta a Roma nei giorni 4 e 5 marzo una conferenza che aveva come obiettivo, fra gli altri, quello di mettere in comune le “Best Practice” e che ha riunito gli esperti delle tre più importanti società del mondo scientifico che si occupano di Andrologia.

Dalla conferenza, patrocinata da Società Italiana di Andrologia (Sia), Società Italiana di Sessuologia Medica (Siams) e Società Italiana di Urologia (Siu), sono emersi vari spunti ed informazioni interessanti su di un mondo, quello dell’Andrologia, che ancora risente della diffidenza con cui spesso l'uomo guarda a questo specialista.

''Ci sono voluti anni”, ha spiegato Vincenzo Mirone, presidente della Sia, “ma ormai le persone sono consapevoli dell'importanza di questa figura”, e questo è un successo legato anche alla campagna “Amico andrologo”, condotta nelle scuole di tutta Italia su diecimila studenti maschi, dei quali oltre 4 mila si sono sottoposti a una visita specialistica.

Un altro elemento importante che è emerso riguarda il fatto che, secondo Mirone, “grazie all'intervento di tutti gli specialisti delle diverse aree, come l'endocrinologia, siamo riusciti a creare un modello esportabile all'estero” il che è un ulteriore successo per la nostra specialistica, soprattutto perche è una delle rare volte che un modello organizzativo italiano ha questo successo.

Un altro dato importante che è emerso è che nelle oltre 4.000 visite effettuate è stata verificata, nel 14% dei ragazzi, una diminuzione del volume dei testicoli che, dai primi dati sembra essere dovuta all’uso delle droghe ed al consumo di alcool tra i giovani.

L’attenzione si è fermata sul fenomeno del “binge drinking” che porta i ragazzi ad assumere grandi quantità di alcool in poco tempo.

Il binge drinking, secondo una definizione, è l'assunzione rapida di un numero di bicchieri di bevande alcoliche, in genere oltre 5.

Lo scopo è semplicemente quello di cadere in preda all’ebbrezza alcolica in un intervallo di tempo più o meno breve, nonché nella perdita di controllo.

In uno studio pubblicato nel mese di marzo sulla rivista Clinical & Experimental Research, e condotto da ricercatori del Boston Medical Center della Boston University, sono stati esaminati i dati relativi a 446 adulti, fra uomini e donne che avevano episodi di binge drinking, e che a causa di ciò avevano un rischio mortalità significativamente più elevato rispetto ai bevitori moderati regolari.

Il fenomeno oramai coinvolge molti ragazzi ed è seguito, ovviamente con molta attenzione, dai vari specialisti.

Un ulteriore dato che è emerso dalle oltre 4.000 visite effettuate fra i ragazzi è “la fame” di informazioni sul sesso, a dispetto dei luoghi comuni sulla sovrabbondanza di notizie che i ragazzi avrebbero sul tema.

Gli specialisti che hanno partecipato al programma “Amico andrologo” sono stati, a loro dire, letteralmente bombardati da richieste su argomenti che variavano dalla pura e semplice informazione sessuale fino alla contraccezione, per giungere a domande sui sentimenti che si provano per le ragazze.

Insomma ancora una volta si è visto la totale inadeguatezza del nostro sistema scolastico che non è in grado o non vuole dare, per le enormi pressioni contrarie, una seria informazione sessuale ai ragazzi ed alle ragazze, come accade invece secondo Isidori della Società italiana di andrologia medica, nelle scuole degli altri paesi.

IN ARGOMENTO:

Binge drinking secondo i giovani italiani: si beve solo per divertirsi


left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter