Sei qui: Home Posta del cuore Consigli Abbandono, i rimedi: Scrivere per sé, tenere un diario

Abbandono, i rimedi: Scrivere per sé, tenere un diario




Amore e abbandono: scivere per sè “Tuttavia, se, mediante un atto di padronanza di scrittura, riesco a dire questa morte, allora io comincio a vivere”ricorda RolandBarthes[1].

Annotare le proprie emozioni e gli accadimenti che sono significativi, scrivere spesso, con regolarità, ogni sera, alzandosi se non si riesce a dormire, tiene occupati e permette di evadere dall’emozione per raccogliere le idee e seguire la consecutio dei fatti, inoltre ci permette di centrarci.

Scrivere lettere che si deciderà in un secondo tempo se inviare o meno, scrivere un diario che raccolga le nostre emozioni e descriva l’andamento della disperazione.

Scrivere con l’urgenza di capire, scrivere per uccidere il dolore, per sospendere l’abbandono (scrivendo si resta coll’altro, si parla con lui/lei), per ricreare il mondo insieme. “Lo scrivere - sostien Harrif Kureishi[2] - la scrittura non è tanto un riflesso dell’esperienza quanto un suo sostituto, un ‘invece’ piuttosto che un rivivere le cose, una specie di sogno ad occhi aperti. La relazione tra una vita e il suo racconto è impossibile da sbrogliare.”

 

e-mail non inviata: Sono qui che scrivo per attesa, per curiosità, per disappunto ma pure per ossessione. Ho scoperto che fare una cronistoria dei giorni passati è uno strumento per spiegare a me quello che sento, per chiarirmi. Lo scrivere diventa per me l’elaborazione di un lutto, uno strumento, un tentativo di reagire alla mancanza e all’esclusione per percepire presente chi non c’è.

Già un mese senza te. Mi sento quasi ridicola a scrivere ancora, comunque non invierò questo messaggio.

 

DIARIO: Come faccio ora? L’ultima volta che l’ho visto è stato un mese fa, siamo andati a letto insieme sei volte in tutto, poi solo sms e telefonate, a volte striminzite. Come faccio a vivere senza di lui? Mi sento persa, lo penso costantemente e soprattutto non riesco neppure a varcare la porta di casa.

Prigioniera di me stessa. Potrei pensare che i miei amici non lo stimavano, che non mi divertivo tanto con lui, che ha poca energia e pochi progetti per il futuro. Potrei pensare che ha la fama dell’accollo e che le sue ragazze sono state tutte superficiali.

Eppure mi sembra di volere solo lui. Potrei pensare che anche il nostro sesso non era soddisfacente, entrava, godeva e si addormentava. Perché invece di uscire e brindare voglio lui e penso a lui? Perché mi ha lasciato? Perché mi sono sentita trattata male? Ma poi, mi ha veramente trattata male o piuttosto non mi ha filato?


left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter