Sei qui: Home Politica R-Esistenti e Libere, contro la violenza

R-Esistenti e Libere, contro la violenza



R-Esistenti e Libere

R-Esistenti e Libere è il titolo del programma che le associazioni femminili hanno lanciato in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne del 25 novembre, con uno sguardo che da Modena si allarga al mondo, per far comprendere come le basi culturali della violenza di genere riguardino tutti e tutte in modo universale, perché fanno parte del sistema di potere che permea le strutture sociali in cui viviamo.

E allora R-Esistenti poiché quotidianamente viene combattuta una lotta contro stereotipi culturali e discriminazioni subite solo perché si è donne. R-Esistenti contro una violenza che ha il viso di persone vicine, di mariti, padri, fratelli, compagni o che usa parole degradanti per annientare psicologicamente. Una violenza che assume i contorni della tratta, della vendita di giovani donne perché si sposino con uomini imposti dalla tradizione.

Ma Libere nella scelta di non sottostarvi perché la discriminazione si può fermare mettendo in atto un profondo cambiamento culturale che coinvolga donne e uomini.

Come cita la Convenzione di Istanbul, infatti, “il raggiungimento dell’uguaglianza di genere è un elemento chiave per prevenire la violenza contro le donne” riconoscendo in essa una “manifestazione dei rapporti di forza storicamente diseguali tra i sessi, che hanno portato alla dominazione sulle donne e alla discriminazione nei loro confronti da parte degli uomini e impedito la loro piena emancipazione”.

Quando nel 2013 la Convenzione di Istanbul venne ratificata nel nostro Paese, poco dopo si instituì a livello nazionale il Piano d’azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere che intendeva collaborare fattivamente con le associazioni per prevenire e arginare il fenomeno; simili motivazioni aveva la legge regionale del 2014 Legge quadro per la parità e contro le discriminazioni di genere. Ma all’oggi le aspettative sono state largamente disattese in quanto alla loro applicazione.

Le associazioni femminili auspicano unitariamente, ancora una volta, da un lato che si riconosca il ruolo delle associazioni che da anni lavorano sul tema, elaborando un sapere fondato sulla relazione, nel rispetto dei diritti e dell’autodeterminazione delle donne, attraverso una metodologia della prevenzione e dell’accoglienza meditata e provata sul campo, dall’altro chela politica si assuma definitivamente la responsabilità del fenomeno investendo risorse stabili e continuative anche su attività culturali ed educative di prevenzione.

La stessa mancanza di un osservatorio nazionale che fornisca precisi dati su femminicidi e violenza di genere,per meglio orientarne azioni e politiche,e l’assenza dell’istituzione di un ministero per le Pari opportunità, fa comprendere quanto, al momento, la politica Italiana sia lontana dal ritenere centrali le indicazioni degli organismi internazionali che più volte hanno ripreso l’Italia in tal senso.

Che genere di morte: oltre i dati

Non sono i dati che possono indicare la dimensione della violenza maschile sulle donne,ma certamente descrivono un fatto strutturale che non riguarda solo il nostro Paese. I dati aiutano a portare all’attenzione dell’opinione pubblica un fenomeno che spesso resta nascosto ed offrono una base per avviare strategie di contrasto che non devono essere solo legalitarie. In questo senso le associazioni femminili annualmente monitorano puntualmente il fenomeno offrendo una alternativa con azioni quotidiane di prevenzione alla violenza e presa in carico delle donne.

I dati statistici a riguardo delle violenza maschile sulle donne sono più che allarmanti. In generale una donna su tre è stata vittima, almeno una volta, dell’aggressività di un uomo, il più delle volte si tratta di violenza domestica, ma sappiamo quanto le diverse tipologie spesso si sovrappongano in uno stesso caso.

Gli autori dei delitti sono nella maggior parte dei casi, fidanzati, ex fidanzati, mariti: vengono quindi uccise per un gioco di potere e di prevaricazione che soggiace alle relazioni secondo stereotipi culturali che permeano la società.
Oltre 100 paesi nel mondo sono privi di una legislazione specifica contro la violenza domestica, ed oltre il 70% delle donne nel mondo ne sono state vittime. Ma molte non denunciano.

Secondo le ultime statistiche fornite dall’Udi di Modena (fonte ProsMedia, osservatorio sul femminicidio) sono 96 le donne uccise in Italia nel 2015, di cui 12 in Emilia Romagna e 2 in provincia di Modena, contro le 108 dello scorso anno, di cui 4 in Emilia Romagna e 1 in provincia di Modena.

Nel 2015 le donne che si sono rivolte alla Casa delle donne contro la violenza di Modena sono state 300, in prevalenza italiane (dati al 31/10) contro le 372 dello scorso anno.

I dati scorporati per tipologia di violenza sono: fisica 146; economica 74; sessuale 29; psicologica 184 (tenendo conto che una singola persona può essere oggetto di più abusi o prevaricazioni).

I figli che hanno subito violenza 110, donne con figli che hanno subito violenza 67. Le donne ospitate in casa rifugio nel 2015 sono 9 come i bambini ospitati in casa rifugio con le loro madri.

Sempre nel 2015 sono invece 360 (Modena e provincia) le donne che hanno richiesto consulenza all’Associazione Gruppo Donne e Giustizia per il servizio ‘ascolto donna’, di cui 230 per consulenza legale e 40 per consulenza psicologica (dati in dettaglio parziali non comprensivi della provincia) contro 427 dell’ascolto donna del 2014 di cui 236 per consulenza legale, 73 per consulenza psicologica (altri per informazioni) per un 65% di italiane e 26% di altri paesi; la fascia di età copre di media dai 30 ai 50 anni con una leggera maggioranza dai 41 ai 50.

Iniziative in programma

VENERDI’ 20 NOVEMBRE ore 18.00 – 20.00
Residenza Universitaria San Filippo Neri, via Sant’Orsola, 52, Modena

Conferenza dibattito sul turismo sessuale

Un racconto per parlare della dura vita delle bambine delle minoranze etniche tribali nel nord della Thailandia

Introduce Serena Ballista, presidente UDI Modena
Interviene Eliana Pelaggi, fotografa
Proiezione del video di Marcin Bilski

Con asta benefica di fotografie d’autrice
(l’incasso sarà devoluto all’associazione Yogamour)
Iniziativa promossa dall’Unione Donne in Italia

Eliana Pelaggi ha scoperto la passione per la fotografia in giovane età, ispirata dai maestri della prestigiosa agenzia Magnum. La sua carriera lavorativa è iniziata a Modena dopo aver conseguito un diploma in grafica pubblicitaria e fotografia dall'Istituto A. Venturi. Il suo forte interesse per la fotografia di reportage l'ha portata a Londra e successivamente a viaggiare. Nel 2014 ha collaborato con COSA, (the children's organisation of Southeast Asia) un'associazione a Chiang Mai nel nord della Thailandia, che lottava per prevenire il traffico minorile. I fondi dell'asta di beneficenza verranno devoluti a Yogamour, un'associazione no-profit con sede in Chiang Mai, che ha supportato e finanziato alcune delle ragazze dell'ex organizzazione COSA dopo la sua chiusura.

LUNEDI’ 23 NOVEMBRE ore 9.00 – 13.00
Istituto Tecnico Statale J. Barozzi, Aula Magna, V.le Cittadella, Modena

Parole d’amore e di violenza
Attività culturali e di laboratorio nel corso dell’assemblea d’Istituto.
Con la partecipazione di:Giovanna Zanolini, Silvia Rinaldi, Stefania Sereni, Giovanni Sivelli,Morena Marchesi, Linda Virga, Elisabetta Vaccari, Alessandro De Rosa.

L’incontro sarà incentrato sulla sensibilizzazione e la formazione di ragazzi e ragazze al tema della violenza, dal cyber-stalking fino alle prevaricazioni psicologiche, cercando di fornire loro informazioni per riconoscerla ecombatterla. Oltre alla lettura di brani di Amore Rubato di Dacia Maraini, i due attori Chiara Mori e Giorgio Brescianini insceneranno dialoghi sugli stereotipi di relazione fra genitori e figli.

Iniziativa promossa dall’Associazione Gruppo Donne e Giustizia
con il contributo di COOP

MERCOLEDI’ 25 NOVEMBRE ore 20.00
Ritrovo in via Emilia angolo Corso Canalgrande

Flash Mob
Presentazione della campagna 2016 “ONE BILLION RISING REVOLUTION”

Nel 2016, il tema della Rivoluzione continua, focalizzandosi sulle donne emarginate: l'attenzione della campagna italiana One Billion Risingverterà sul dramma dei profughi.L’obiettivo diventa indagare e praticare esperienze civili e sociali nuove, improntate a politiche e forme di governo altre, che consentano di affrontare in maniera nuova gli impegni presi operativamente da chiunque si collochi nell’ambito del sociale, del politico, del culturale.
Il corteo danzantedelle associazioni femminili e dei cittadini lungo Corso Canalgrande, con sosta davanti al Tribunale, prevede un momento di lettura del brano di Eve Ensler La mia rivoluzione inizia nel corpo. Tutti e tutte sono invitati a parteciparesulle note dell’inno Break the chain, della campagna,nella tappa finale davanti al Teatro L.Pavarotti dove inizierà lo spettacolo “Vittime del Silenzio”.

Iniziativa promossa da Casa delle donne contro la violenza, Centro documentazione donna, Differenza Maternità, Donne nel mondo, Gruppo Donne e Giustizia, Udi-Modena e coordinamento italiano One Billion Rising.

MERCOLEDI’ 25 NOVEMBRE ore 21.00
Teatro Comunale Luciano Pavarotti

Spettacolo di danza “Vittime del silenzio”
Progetto Leggere per Ballare
Spettacolo a pagamento

Lo spettacolo, prodotto a Modena in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, è frutto di una stretta sinergia fra istituzioni, scuole di danza, comunità cittadina e Centro documentazione donna.I testi letterari da cui sono tratti i quadri di danza riprendono testi di da Dacia Maraini, Dante Alighieri, Alessandro Manzoni, Bianca Belvederi, Victor Hugo, Thick Nhat Hanh, Martin Luther King o la Convenzione di Istanbul.
L’evento vuole offrire una riflessione sulle motivazioni storiche e culturali del silenzio che circonda da sempre la violenza maschile sulle donne, avviando una riflessione formativa sugli stereotipi che ancora alimentano modelli di relazioni impari basati sulla disuguaglianza di potere nella società.

Promosso da Comune di Modena, Centro documentazione donna, Federazione Nazionale Associazioni Scuole di Danza, ATER, Fondazione Teatro Comunale Modena, con il patrocinio della Regione Emilia Romagna.

GIOVEDI’ 26 NOVEMBRE 2015 ore 10.00
Teatro Comunale Luciano Pavarotti

Spettacolo di danza “Vittime del silenzio”
Replica riservata alle scuole


left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter