Sei qui: Home Lavoro Istat, disoccupazione in Italia mai così male dal ‘94

Istat, disoccupazione in Italia mai così male dal ‘94



Siamo al 7,4% di disoccupazione. I dadi Istat al secondo semestre di quest’anno mostrano una crescita, rispetto a quelli dello stesso periodo 2008, del tasso di disoccupati

Quelli che pesano sono i numeri delle regioni meridionali che registrano un incremento degli inattivi che arrivano a 434 mila persone. Chi non trova lavoro, come i giovani, e chi non lo cerca, come le donne per motivi familiari. A fare da sfondo ai numeri c’è lo sconforto.

E’ il peggiore dato registrato dal 1994. Gli occupati sono diminuiti di 378 mila unità. L’analisi è la sintesi che rappresenta una diminuzione dei dipendenti con contratti a termine e la difficile situazione delle piccole imprese.

Quello che aumenta è il numero di chi cerca lavoro che cresce dell’8,1%. Il numero sale quindi a 1.841.000 persone alla ricerca di un’occupazione (+137.000, pari all'8,1%, rispetto al secondo trimestre 2008).

L’Istat nota che la flessione occupazionale riguarda soprattutto gli italiani (-562 mila) mentre crescono gli occupati stranieri (+184 mila, di cui 95mila donne).

Il settore più colpito è quello dell’industria, con una riduzione tendenziale di -197mila unità, pari al -3.9%. Piuttosto stabile l’agricoltura che riporta una contrazione di -6.000 unità, pari allo -0,7%

Il settore delle costruzioni registra un calo degli occupati di -41mila unità (-2,1%) e riguarda in prevalenza i lavoratori del Nord-est e del Sud.

Il terziario continua la discesa già rilevata nel primo trimestre e perde 134mila unità (0,9%).

Al Nord diminuisce il numero degli occupati, ma con l’eccezione delle province autonome di Trento e Bolzano e dell'Emilia Romagna, che vedono invece aumentare il numero degli addetti stranieri e di quelli italiani cinquantenni

Al Centro l’occupazione aumenta, anche se in modo marginale (10mila unità pari allo 0,2%). Al Sud il calo degli occupati è più accentuato.

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter