Sei qui: Home Cucina Stuzzichini di Storia I Piatti del Natale italiano

I Piatti del Natale italiano



I piatti del natale Italiano

Natale é dietro l’angolo... La tradizione vuole tutti riuniti in casa, attorno ad una tavola imbandita, in serenità ed allegria.

Le massaie si danno un gran daffare, ovunque vengano venduti generi alimentari é un’orgia di panettoni, torroni, salmoni, pandoro, panettoni, frutta secca e candita, delicatezze, sfiziosità...

Comodo comprare tutto fatto, non lo nego, specie se si tratta del negozio di fiducia sulla cui genuinità metteremmo la mano sul fuoco, però... le tradizioni, quelle, cerchiamo di non dimenticarle e soprattutto sulle tavole di Natale facciamole trionfare.

E allora... cosa deve apparire sulle tavole italiane a Natale?

Ogni Regione, anzi, ogni Provincia ed ogni Comune ha la sua tavola natalizia.

Vediamole alcune di queste ricette così invitanti.

Alcune sono anche descritte in dettaglio e se vi viene la magica ispirazione magari le potrete anche preparare.

Basterà cliccarci sopra.

Buon Natale a tutti!

ABRUZZO: minestra di cardi, zuppa di ceci e castagne, lasagna con macinato mozzarella e parmigiano, agnello arrosto, bollito di manzo, calcionetti, ferratelle, ostie con ripieno di mandorle noci e miele, neole, noci atterrati, scrippelle.

BASILICATA: minestra di scarole verze e cardi, baccalà lesso con peperoni cruschi fritti, strascinari al ragù di carne mista, piccilatiedd, pane con le mandorle, pettole, calzoncelli.

CALABRIA: crespelle ripiene alle alici e salumi, scillatelle (o fileya) con ragù di maiale, minestra maritata con verdure di campo e fagioli, capretto al forno alle erbe selvatiche con patate, pesce stocco di Cittanova con la ghiotta, broccolo calabrese, fichi a crocetta ricoperti al cioccolato, torroncini, dolci al cedro e al bergamotto.

CAMPANIA: minestra di Natale, scarole e “borraccia” in brodo di cappone, spaghetti alle vongole, cappone imbottito, insalata di rinforzo, friselle, broccoli con aglio e peperoncino, struffoli, roccocò, frutta secca.

EMILIA ROMAGNA: culatello di Zibello, tagliatelle al ragù, lasagne alla bolognese, tortellini in brodo, passatelli in brodo, cotechino di Modena, zampone con lenticchie, puré e mostarda, formaggio di fossa con la saba, panone di Natale di Bologna.

FRIULI VENEZIA GIULIA: brovada e muset con polenta, trippa con sugo e formaggio, cappone, gubana.

LAZIO: fritto misto di verdure, baccalà fritto, capitone al forno, abbacchio al forno con patate, cappelletti in brodo, bollito misto, tacchino ripieno, panpepato e pangiallo.

LIGURIA: maccheroni in brodo, ravioli alla genovese, stecchi fritti, cappone lesso, cappon magro, salcicce e spinaci, faraona al forno con carciofi, tacchino di Natale, pandolce, canditi, torrone, uva, fichi secchi e noci.

LOMBARDIA: consummè di cappone in gelatina, tortellini o casoncelli in brodo, cappone ripieno con tritato, uova grana e mortadella, mostarda di Cremona, stecchini, insalata, panettone.

MARCHE: maccheroncini di Campofilone in sugo, cappelletti in brodo di carne, vincisgrassi, cappone arrosto, pizza de Nata’, fristingo.

MOLISE: zuppa di cardi, pizza di Franz in brodo caldo, baccalà arracanato, baccalà al forno e calciuni.

PIEMONTE: cappone di Morozzo al forno, bue bollito di Carrù e Moncalvo, insalata di carne cruda all’albese, peperoni in bagna cauda, acciughe al verde, flan del cardo, tayarin con pancetta petto d’oca affumicato, agnolotti con sugo d’arrosto, cappone arrosto, gran bollito, mousse di mele rosse, torta di nocciole, zabaione e torrone d’Alba.

PUGLIA: cime di rape stufate, panzerotti fritti, anguilla arrostita, baccalà in umido, baccalà fritto, agnello al forno con lambascioni, cuturidd’, pettole, cartellate, torrone, porcedduzzi, fichi secchi e dolcetti di mandorle.

SARDEGNA: salsiccia, pecorino e olive “a schibeci”, culurgiones de casu, gnocchetti sardi al sugo di salsiccia, agnello con patate al forno, porcetto al mirto, ricotta con miele e seadas.

SICILIA: sfincione, scacce ragusane, cardi in pastella e gallina in brodo, insalate di arance con aringa e cipolla, agnello al forno, sformato di anellini al forno con ricotta, pasta con le sarde, sarde a beccafico, carne con pancetta coppata, sparaceddi, caponata, buccellati di Enna, cassate, cannoli, mustazzoli, cubbàita.

TOSCANA: crostini di fegatini, brodo di cappone in tazza o cappelletti in brodo, arrosto di faraona, anatra, fegatelli e tordi con insalata, cappone ripieno, sformato di gobbi, i cavallucci, ricciarelli, panforte e panpepato.

TRENTINO: canederli, strangolapreti, capriolo, capretto al forno, strüdel di mele e zelten.

UMBRIA: cappelletti ripieni di cappone e piccione, contorno di cardi umbri, cappone bollito, panpepato, pinoccate e torciglione serpentello.

VALLE D’AOSTA: mocetta in crostini al miele, lardo con castagne cotte e caramellate con miele, crostini con fonduta e tartufo, zuppa alla Valpellinese, salsiccia con patate, carbonata con polenta, pere a sciroppo con crema di cioccolato e panna montata, caffè Mandolà e tegole.

VENETO: soppressa, salsiccia, luganega, brodo di cappone, risotto al radicchio rosso, gnocchi al sugo d’anatra, baccalà alla vicentina, lesso di manzo “al cren”, pandoro di Verona, mostarda con il mascarpone e mandorlato di Cologna Veneta.

Margherita Maria Caruso Galanti


Pubblicità no adsense
left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter