Sei qui: Home Cronaca Censimento: dopo l'assalto web, compilati 340 mila questionari

Censimento: dopo l'assalto web, compilati 340 mila questionari



Dopo l'assalto web, compilati 340 mila questionari Ieri il via ufficiale al 15º censimento 2011 della popolazione, il sito dell'Istat è subito andato in tilt. Oggi i server sono stati potenziati e già 340.000 persone hanno risposto alle domande, ma sono ancora in molti a non aver ricevuto a casa il questionario.

Intorno a mezzogiorno di oggi, armati di pazienza, codice fiscale e password alla mano, proviamo ad entrare nel sito dell'Istat per compilare il famigerato censimento. A sorpresa tutto fila liscio, nessuna attesa, nessuna pagina bianca.

Sembra che la piattaforma digitale sia stata finalmente ampliata e così, dopo la disastrosa partenza di ieri, i cittadini affetti da un'ansia da questionario oggi potranno finalmente rispondere.

Due versioni, quella ridotta arriva a due terzi delle famiglie che abitano nelle grandi città, oppure quella, è proprio il caso di dirlo, formato famiglia, arrivata nelle case di tutti gli altri.

Decine di domande su casa, famiglia, lavoro, da compilare via Internet, c'è tempo fino a fine anno, oppure con la tradizionale penna a sfera blu o nera da restituire al più vicino ufficio postale entro febbraio, o addirittura a uno dei 60.000 rilevatori incaricati di raccogliere dal 21 novembre casa per casa.

590 milioni di euro per cercare di costruire l'identikit dell'Italia del secondo millennio, 7 milioni di moduli sono ancora in consegna e, per chi non avesse voglia di perderci tempo, giova ricordare che è un obbligo che prevede una multa fino a 2000 euro.

left Siamo un' associazione no profit che si propone di tutelare la salute della donna. Forniamo gratuitamente consulenza telefonica e via email su qualsiasi problema di salute femminile. Siamo all'interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma nell'edificio più noto come Buon Pastore del Comune di Roma

Socials Bottom

Iscriviti alla Newsletter